Lega B, presentata ieri la Guida Nutrizionale

Lega B
Lega B, presentata ieri la Guida Nutrizionale

MILANO – É stata presentata ieri a Milano, nella sede della Lega di serie B,  la Guida nutrizionale, nata dall’esperienza di professionisti appartenenti alla Commissione Medico scientifica della Lega B. Relatori il direttore generale della Lega B Paolo Bedin e il presidente della Commissione medico scientifica professore Francesco Braconaro.

In veste di relatrice é intervenuta anche l’esperta in dietetica applicata allo sport, dottoressa Loredana Torris. Presente alla conferenza stampa anche Josefa Idem. La pluricampionessa olimpionica ha raccontato come la dieta mediterranea l’abbia aiutata nel raggiungere i successi più importanti.

I contenuti della guida

La guida é indirizzata ai settori giovanili e alle scuole calcio affiliate. Ma é anche aperta ai milioni di atleti che praticano sport e a coloro, soprattutto genitori, che li alimentano. Per questi motivi sarà disponibile in supporto cartaceo con un formato tascabile, oltre che on line su www.legab.it. É declinata a seconda della performance sportiva, dell’orario della performance, del tipo di impegno (gara o allenamento) e del clima.

La Commissione medico scientifica

Nata nel 2013 dalla volontà della Lega B di analizzare il contesto sanitario delle 22 società associate, studiando la rilevazione degli infortuni, la gestione delle emergenze, promuovendo lo scambio di informazioni anche attraverso workshop medico-sportivi e proponendo protocolli medico-sportivi, la Commissione si è data quale obiettivo lo sviluppo qualitativo, l’approfondimento e sviluppo di tematiche e criticità del contesto sanitario.

I principali progetti:

• Delega specifica: obbligatorietà per i medici delegati che assistono la squadra durante le gare ufficiali di avere delle competenze certificate in medicina dello sport.

• Digitalizzazione della cartella clinica: creazione di una cartella clinica elettronica che possa accompagnare il calciatore nel corso della sua intera carriera.

• Infortuni: incidenza della superficie del terreno di gioco (campi in erba o sintetici) sulla variazione del numero di traumi sportivi.

• Alimentazione atleti: realizzazione di un programma di alimentazione per gli atleti (vademecum) in base ai differenti orari delle competizioni. Organizzazione congressi e convegni sul tema.

• Rapporti economici: analisi dei rapporti contrattuali esistenti tra gli staff sanitari e le Società che militano nel nostro Campionato.