| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2005-05-05

Road to Istanbul


Difficile decifrare le sensazioni provate dopo la partita di Eindhoven, un cocktail di emozioni contrastanti che rendono agrodolci i festeggiamenti per la conquista della finale in Turchia. Da una parte la gioia per il passaggio del turno e il biglietto aereo per la decima finale della storia del club di Via Turati, ma dall'altra la preoccupazione per una prova che senza dubbio è stata la peggiore della stagione. E' parso un Milan sulle gambe, poco grintoso fatta eccezione per Kakà e il solito guerriero Gattuso. I rossoneri arrivavano sempre secondi sulla palla, non riuscivano ad orchestrare il famoso possesso palla che ha fatto la fortuna dei rossoneri per tutta la stagione. Nel primo tempo il fraseggio è stato sempre interrotto prima del terzo passaggio di fila, sia per l'asfissiante pressing del PSV sia per un'imprecisione davvero imbarazzante. Elogi al Psv Eindhoven, autore di una prestazione eccellente. Gli uomini di Hiddink meritavano sicuramente di passare il turno, il loro errore è stato ancora una volta quello di rilassarsi proprio nel momento sbagliato. Quando tutto sembrava portare ai supplementari e lo spettro de La Coruna incombeva pesantemente sulle anime dei rossoneri, il Milan ha colpito, freddo, cinico, quasi crudele,con Ambrosini che con un bel colpo di testa ha scacciato l'incubo e ha strappato il biglietto per Istanbul dalle mani degli olandesi. Come molte volte in questa stagione la zona Milan è stata fatale. Ora per i rossoneri non c'è neanche il tempo di rifiatare, la Juve è al casello di Pero ormai, rinvigorita dalla prestazione offerta dal Milan, spera di ottenere un preziosissimo successo per ipotecare lo scudetto. I rossoneri devono rigenerarsi dopo più di un mese passato praticamente solo in campo, un'attenuante per gli uomini di Ancelotti, che però credono nel prestigioso "double". Per ottenere un risultato simile però occorre un altro Milan, ma questo i rossoneri l'hanno capito |L.Prandini|. - articolo letto 14 volte


Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale