| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2007-12-04

Vietato Cullarsi


Il migliore della stagione, quello che non si vedeva da tempo, forse dalla passata stagione. Il Catania di ieri lo vorremmo vedere sempre, ad ogni partita, nelle occasioni eccezionali e nella quotidianità, dagli allenamenti alle amichevoli di metà settimana. L’impronta Baldini si vede, a tratti sembra riprendere quella dell’ex tecnico rossazzurro Marino, con le diversità delle scelte fatte e del modo di intuire il calcio e gli schemi, differenti ma simili allo stesso tempo, quantomeno nel risultato. Gli etnei non avevano, prima di oggi, segnato tre goal in un’unica partita. Segnale di crescita di un tridente offensivo che può cominciare a far paura, oltre che nei nomi, nelle qualità messe in campo, alte, altissime, possedute da pochi. Proprio così, perché se quel goal, il terzo del Catania, l’avesse realizzato un Ibrahimovic o un Del Piero, sarebbe stato calcio spettacolo, giocatore meritevole di pallone d’oro e prima pagina. Invece niente di tutto questo, si viaggia nell’ombra, ad osare si potrebbe dire vicino all’anonimato, perché due uova lanciate in un pullman diventano più importanti di una civiltà, con i limiti del non tifo, dimostrata in lungo e in largo da oltre 20.000 spettatori, prima, durante e dopo la partita. Tridente offensivo che va, aldilà della prodezza balistica di Martinez, a segno per intero: prima Mascara su assist di Vargas, poi Spinesi su rigore. Ma centravanti che, goal a parte, cominciano ad affiatarsi sempre più, nel gioco oltre che negli spogliatoi, compatti come sempre. Le occasioni da rete parlano chiaro, le parate di Fontana dimostrano quanto detto, frutto di un lavoro duro e costante, sul quale mister e preparatori scommettono da tempo, trovando oggi i risultati sperati ad inizio campionato. Numeri sui quali non bisogna cullarsi, cercando al contrario di usarli per andare oltre, nei limiti delle possibilità. E il Catania di limiti ne può ancora superare: pensiamo alle magie di Mascara, pensiamo ai diciassette goal di Spinesi della scorsa stagione, pensiamo al Colucci ormai ritrovato, pensiamo alle scommesse vinte dalla società come Martinez, pensiamo a chi, come Llama, deve ancora far vedere le proprie capacità e pensiamo anche, dandone merito, a chi gestisce tutto ciò, spesso criticato, che ad oggi non può che essere soddisfatto|di Fabio Alibrio - Fonte: www.mondocatania.com|. - articolo letto 50 volte


Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale