| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2007-12-21

Prendi la Coppa..


Prima vittoria stagionale in trasferta. Battuti i Campioni del Mondo. Si direbbe, Catania che “prende la Coppa e scappa”. Resta invece a Milano il Trofeo di Yokoama, ai piedi dell'Etna, portata dentro gli occhi dei tifosi, va la Gloria. Sta bene così. Non c’è “lustro” per i neo-titolati rossoneri. Rinviata la festa. Rinviato il bagno di folla. La gloria questa sera è tutta per il Catania. E per i tifosi al seguito. Atmosfera Massimino, effetto assicurato. “Uci a San Siro, di quella sera [...] fa tanto freddo [...] e non ne posso più”. Dialetto catanese. Terra lombarda conquistata. Vittoria. In un Meazza che sembra Massa. Dopo Taormina e Biancavilla, fatto fuori anche il Milan. Unico avversario disponibile per l’amichevole del Giovedì. Che si chiama Coppa Italia. Paragone ricercato, voluto. Perché se ci si aspettata un Catania versione Biancavilla (col rispetto dovuto, al Biancavilla), è tutto il contrario. Etnei a farla da padrone, padroni di casa ad arrancare verso il pareggio. Rossazzurri quotati 5,23. Fortunato chi ha scommesso. Squadra allenatrice, in casacca rossonera. Formazione da allenamento. Il Catania. Niente di più, niente di meno. Un messaggio chiaro da Baldini. Chiaro al pubblico, chiaro agli avversari, chiaro agli addetti ai lavori. E’ un Catania comunque competitivo, qualunque undici scenda in campo. Giusto, Coerente. Non individualità, ma concetti. Risultato ottenuto. Risultato pieno. Va via sorridendo. E se la7 gli preferisce Ancelotti a lui poco importa. Non si definisce allenatore, ma tante lezioni continua ad impartire, a colleghi mancati ed a mondo del calcio in genere. La mentalità cercata e mancata. Catania formato trasferta. Così ci piace. Cinico e spietato. Manovra armonica, linee che si contraggono e distendono assistendo ogni fase di gioco, copertura e contropiede. Gli undici etnei ci sono con la testa più che con le gambe, ognuno bada bene alle proprie in vista di Reggio. Due tiri in porta. Due reti, a breve distanza. Poi ordine. Carattere ed attenzione tattica, compattezza, anche in 10 uomini. L’encomiabile spirito combattivo mostrato in casa, trascinato in campo contro la squadra più titola del Mondo. Rimaneggiata o no, i meriti restano. Tutti del Catania. Due reti da rimontare per il Milan, gara di ritorno a Catania. Già accesa. In prospettiva, la vincente tra Palermo ed Udinese. Non mancheranno motivazioni a far bene. Vittoria storica. Ché non si vince in trasferta, in Coppa Italia, dal 1987. Ché in 16 confronti, pur celebri, al Meazza rossonero, mai una vittoria. Storica, come questa, come adesso. E se “Coppa Italia” vuol dir niente. Milan – Catania 1-2 può voler dir molto. Non di solo pane si vive. Festa a San Siro, festa a Milano, colori rossazzurri. Di chi è andato ieri e tornerà, di chi è andato tanto tempo fa, ed a Milano resta. Con un sorriso largo, da riempire Piazza Duomo. Si torna a casa, subito. Si andrà a Reggio, a breve|di Marco Di Mauro - Fonte: www.mondocatania.com|. - articolo letto 33 volte


Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale