| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2008-01-09

Freme l'attesa


Freme l’attesa, ancor più la voglia di giocare. Sabato a Catania arriverà la Juventus: biglietti esauriti da tempo, partita di cartello per la nostra realtà; ci sarà il pubblico delle grandi occasioni, forse non tutto di fede rossazzurra. Quella contro i bianconeri è una gara attesa da anni, non potutasi disputare lo scorso anno per le note vicende relative a Calciopoli che hanno costretto il club di Torino a giocare in B, almeno un anno. E, a pensarci bene, di “grandi” a Catania non ne sono arrivate: Inter, Milan, Roma e Lazio sono state affrontate in trasferta, sempre, vuoi perché il calendario prevede un match a casa degli avversari e vuoi perché i rossazzurri di gare in campo neutro ne hanno disputate più della metà di quelle da fare al Massimino, tra il pubblico amico. Due società, l’una per Calciopoli, l’altra per i noti fatti del 2 febbraio, nel banco degli imputati nella scorsa stagione, spesso accusate di aver rovinato il calcio, spesso però, all’oscuro, tra le più penalizzate, a volte ingiustamente, forse perché cavie degli altri abusi, forse perché deboli, seppur con un glorioso cammino alle spalle. Destino e sventure vicine, classifica un po’ meno. Ranieri punta allo scudetto, Baldini ad una tranquilla salvezza: ambizioni opposte, organico che, a livello tecnico, di differenze ne presenta parecchie. Ma, ad avvicinare nuovamente Juventus e Catania vi è un altro elemento che, a parere di molti, vale più di ogni altra cosa: la voglia di vincere. E se i rossazzurri a questo riuscissero ad unire uno Spinesi ritrovato, tutto cambierebbe, e i presupposti ci sono: gol in amichevole e impegno massimo sono stati ciò che del numero 24 etneo è emerso da quel di Massannunziata, in un cammino difficile ma proficuo che ha visto la troupe di Baldini in campo già da dopo Natale, prima di Capodanno, dal 29 dicembre, alternando sedute singole e doppie, siano esse mattutine che pomeridiane, anche alla vigilia del nuovo anno, sperando sia proficuo quanto e più, se possibile, del 2007, già positivo. I presupposti per un match divertente e imprevedibile ci sono tutti, il campo darà il suo verdetto. Ciò che realmente conta è senza dubbio il clima gioiosa che si respirerà al Massimino, in curva così come in tribuna, ad urlare e cantare per un’unica squadra, quella rossazzurra|di Fabio Alibrio - Fonte: www.mondocatania.com|. - articolo letto 33 volte


Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale