| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2008-02-04

Mitico Carletto!


I giornali ieri parlavano dell'avvento, in estate, di Marcello Lippi sulla panchina del Milan.....ma non scherziamo! Il sior Carletto sta facendo più di quello che ci si aspettava da lui e dagli uomini che lui aveva a disposizione e che ha saputo motivare e gestire in maniera intelligente ed arguta anche nelle situazioni di iperemergenza! Chi sino a due o tre settimane fa credeva possibile una rimonta per la lotta al quarto posto? Chi? Erano tutti concordi nel dire che i rossoneri per accedere alla Champions League avrebbero dovuto fare l'ennesimo miracolo conquistando la vittoria finale per potervi partecipare anche nella prossima edizione. Ed invece zitto zitto il sior Carletto con il suo solito spirito romagnolo: "Lasciare il Milan? mi incateno davanti ai cancelli di Milanello!". Ci è arrivato, e siamo appena all'inizio del girone di ritorno. Ieri Ancelotti ha fatto quello che tutti i tifosi rossoneri, in primis Berlusconi, si aspettavano, ma detta così sembra sin troppo semplice perchè di fronte si sono trovato la Fiorentina non una squadretta di bassa classifica, ma un ottimo team gestito da un altro ottimo motivatore come Prandelli. I viola ancora non ci credono, invece è tutto vero. Pato entra, fa il numero e segna, Kalac fa il Buffon e il Milan raggoinge l'Udinese al quinto posto ed è a -4 dai viola! Ogni anno Ancelotti viene messo in discussione per l'anno seguente ed ogni volta porta in bacheca qualcosa...quest'anno ha già incamerato 3 trofei, di più: non si può! - articolo letto 84 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale