| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2008-05-26

Il pallone con il microchip


In Italia, il “problema arbitri” è oggetto di indagine ed è particolarmente seguito come in nessuna altra parte del mondo.
Infatti, l’evoluzione del gioco, la velocità, l’interesse che il calcio genera, fa sorgere sempre più polemiche come accade anche negli altri campionati del continente.
Al vaglio tutte le proposte che possano “aiutare” i direttori di gara a svolgere al meglio il proprio lavoro. Il 7- 8 marzo, in Scozia verranno valutate tutte le opportunità per risolvere questi problemi dall’International board: dal pallone col microchip agli arbitri degli “ultimi diciotto metri”.
La situazione che si respira in Italia è certamente frutto di una inadeguatezza tecnica della nuova classe arbitrale che va combattuta, necessariamente, attraverso lo studio approfondito delle situazioni di gioco da parte dei direttori di gara, ma che potrebbe anche essere eliminata dando qualche “aiuto” ai giudici.
La questione calcio e tecnologia si ripropone in un momento, non per nulla nuovo, nero, almeno degli arbitri. L’I.F.A.B. (acronimo di International Football Association Board) è l’organismo internazionale composto da 8 membri incaricato di stilare ed, eventualmente, rivedere, le regole del gioco del calcio.
A tale organismo è anche demandato il compito, se necessario, di emanare regole aggiuntive, è pronto a valutare le soluzioni che saranno proposte per superare le polemiche e garantire un più imparziale svolgimento delle gare.
Ancora fermo il progetto che porta la moviola in campo, né le richieste della Fa (acronimo di Football Association Challenge Cup, abbreviata in F.A. Cup in italiano detta anche Coppa d’Inghilterra è la coppa nazionale di calcio inglese), né la sperimentazione del Cnr a Udine, saranno all’ordine del giorno nella riunione che si terrà il 7-8 marzo in Scozia, dove, invece, saranno vagliate le proposte riguardanti la palla con il microchip e i giudici "degli ultimi diciotto metri".
Quest’ultima soluzione sarà sperimentata solo il prossimo autunno in un mondiale under 21 femminile. La doppia proposta, fortemente sponsorizzata dal presidente della U.e.f.a., Michel Platini, è stata approvata durante la prima seduta della nuova Commissione per le strategie della Fifa, presieduta proprio da Platini, a Zurigo, e deriva direttamente dal via libera che a marzo l’International Board - l’unico organismo preposto alla revisione e alle eventuali modifiche al regolamento di gioco - aveva dato all’introduzione di tecnologie in grado di aiutare gli arbitri a decidere sui gol fantasma.
- articolo letto 926 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale