| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2008-06-15

Il sogno è Turco! Svizzera con il contentino...


Colpo di scena nell'ultimo turno del girone A: la Turchia riesce a superare con il rocambolesco punteggio di 3-2 la Repubblica Ceca, approdando così nei quarti di finale dove incontrerà la nazionale Croata, già qualificata nel girone B.
Un punteggio che per come è venuto fuori ha dell'incredibile. Un tabellino che parlava chiaro: 2-0 per i Ceki al 17' della ripresa e difesa turca ridotta quasi ad un colabrodo.
Notte fonda? Il risultato conferma il contrario.
La squadra di Terim inizia a giocare con il cuore e con la deteminazione giusta per prendere in contropiede l'avversario già con la qualificazione in tasca.
Ma il punteggio inizia a cambiare solo al 30mo con Arda che con un gran destro da fuori area fredda Cech. Il gol da nuova carica ai turchi che approfittano anche di un evidente crollo fisico dei Ceki che da quel punto rinunciano a giocare, issando barriere difensive per portare a casa il prezioso successo.
Ma quando si pensa che la forza offensiva turca sia ben poca per smuovere ancora il punteggio, ci pensa il portiere Cech, non uno qualsiasi ma uno dei più stimati portieri europei, a combinare la frittata: siamo al 42mo e complice anche il terreno vischido per la pioggia insistente l'estremo difensore su un cross poco insidioso di Altintop afferra con leggerezza il pallone che gli sfugge dalle mani. In agguato c'è Nihat che incredulo deposita il prezioso pallone del 2-2.
Da lì succede l'inverosimile con i Ceki colpiti a freddo e i turchi galvanizzati dell'insperato pari che ridava in mano le speranze di passaggio del turno. Passano solo 3 minuti dal pari e Nihat come per magia si ritrova tutto solo davanti a Cech che non riesce a deviargli il suo destro.
E sono 3! C'è ancora spazio per le emozioni mentre appare incontenibile l'entusiasmo sulla panchina di Terim. Al 47mo il portiere Volkan, in preda ad un momento di ira, spinge Koller, facendolo cadere. Un fallo a gioco fermo che gli costa l'espulsione e, complice l'esaurimento dei cambi, l'ingresso tra i pali di Tuncay. I minuti per fortuna della Turchia scadevano e il colpo grosso è stato portato a casa.
Adesso la nazionale Ceka farà il mea culpa per aver buttato una qualificazione già in tasca. Onore e merito alla Turchia che al termine di una gara combattutissima è uscita vincitrice grazie alla determinazione e voglia di crederci sino alla fine. Questo ha permesso di colmare anche il divario tecnico e di qualità dei singoli giocatori. Adesso con la Croazia vietato sognare...

Per rimanere in tema sogni, un piccolo ma importante sogno si è materializzato anche in casa Svizzera che dopo due sconfitte in parte immeritate coglie un prestigioso successo con il quotato Portogallo.
Ad onor del vero la squadra di Scolari si è presentata con una formazione rimaneggiata e con la testa già al prossimo turno, forte della qualificazione già acquisita.
Resta però la bella prova degli svizzeri che hanno così potuto onorare al meglio l'impegno. La vittoria porta la firma di Hakan Yakin, autore di una doppietta.
Un modo anche per lasciare il pubblico di casa con un sorriso, dopo aver accarezzato i successi anche nelle precedenti uscite. Ricordiamo il clamoroso finale con la Turchia che a conti fatti gli è costato la qualificazione. Su tutti poi non dobbiamo scordare la partita del suo leader di maggior spicco ed esperienza, Frei, infortunatosi al termine della prima frazione di gioco della gara inaugurale contro la Repubblica Ceka.
- articolo letto 119 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale