| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2008-06-18

Euro 2008 Pagelle: Francia-Italia



FRANCIA (4-4-2):
Coupet 6,5 - un buon intervento sulla punizione velenosa di Grosso. Sfortunato in occasione del raddoppio azzurro con la deviazione che lo spiazza. Prezioso nelle uscite, gioca bene in anticipo. Vince la personale sfida con Toni.
Clerc 5.5 - si difende senza molta classe ma badando all’essenziale. Potrebbe andar anche bene se non fosse che per alcune lacune difensive.
Gallas 5 - sbaglia molto con i piedi e nel primo tempo va in costante difficoltà sul gioco aereo con Toni. Sbiadito..
Abidal 4 - decide in negativo la partite consegnando il gol e l’uomo in più dopo appena 24 minuti di gioco. Perde di vista Toni. Distrazione fatale.
Evra 5 - cerca di limitare i danni ma senza l’apporto dei compagni di reparto anche lui finisce per sbandare.
Govou 4.5 - non si avverte la sua presenza, gira per gran parte del match a vuoto. Ma Domenech non lo capisce. Pecorella smarrita.
Anelka 5 - la partita è già segnata quando entra, lui non fa niente per fargli cambiare il corso.
Makelele 6 - uno dei pochi a portare la croce con decisione. Si batte a centrocampo con le buone e con le cattive fino a quando le energie non lo tradiscono. Tra i meno peggio. A galla.
Toulalan 5 - la sua lentezza gli fa sempre arrivare in ritardo negli interventi penalizzando e chiamando agli straordinari il compagno di reparto. Zavorra.
Ribery s.v. - la perdita in avvio per infortunio diventa decisiva per i francesi. Senza di lui le speranze si dimezzano. Peccano non abbia avuto i minuti per mostrare di essere uno dei pochi a salvarsi. Meglio per gli azzurri.
Nasri s.v. - entra ed esce, in una scelta tattica un po’ forzata, un po’ avventata.
Boumsong 5.5 - rispetto ad Abidal fa meglio ma non ci sarebbe voluto poi molto… limita Toni.
Benzema 5.5 - lo si ricorda per un azione personale che scalda le mani a Buffon, poi niente più. Non adeguatamente assistito, si trova a poter fare un gioco poco fruttuoso per la squadra.
Henry 5,5 - pochi spunti, sfortuna sulla deviazione del tiro di De Rossi. Non era in gran forma ma nessuno gli da una mano. Una volta giocavano per lui… Leader abbandonato.

ITALIA (4-3-1-2):
Buffon 7 - bastano pochi interventi per capire che è sempre il numero 1. Sicuro tra i pali compie un’intervento determinante su Benzema. Standing ovation.
Zambrotta 6 - in ripresa, supera le incertezze iniziali con alcune proposizioni offensive e più sicurezza in fase difensiva. In rodaggio.
Panucci 6,5 - sicurezza per il pacchetto arretrato, non troppo impegnato grazie alla pochezza delle offensive francesi. Poteva sbloccarsi già nei primi minuti ma Makelele è bravo.
Chiellini 6 - non particolarmente appariscente ma efficace. Prende le misure ad Henry che se nella prima frazione lo impensierisce, nella ripresa gli gira alla larga. Garanzia.
Grosso 6,5 - gran palo su punizione, spinta a corrente alternata. Giocano meglio gli altri ma lui non sfigura. Più europeo che mondiale...
Gattuso 6.5 - la sua presenza diventa fondamentale per il centrocampo azzurro. Non ha lo smalto di un tempo ma lotta a tutto campo, recupera palloni. Candidato ad essere uno dei cuori azzurri più grandi. Gladiatore.
Aquilani s.v. - solo pochi minuti per lui. Non giudicabile.
De Rossi 7.5 - decisivo nel raddoppio azzurro, costituisce coppia assortita di qualità a centrocampo con Pirlo. Alcune giocate sono pregevoli, la prova nel complesso appare di gran livello. Adesso rosicate voi!
Pirlo 7.5 - solo un tempo ma giocato a livelli eccelsi: cabina di regia impeccabile, gioco di fino e tanta corsa. Freddo in occasione del rigore. Il fallo su Benzema è stata la sua unica leggerezza che però gli costerà la Spagna. Orologio svizzero.
Ambrosini 6 - fa il suo dovere e la fase di contenimento gli si addice. Collabora al mantenimento del punteggio. Sorvegliante diligente.
Perrotta 6.5 - per lui un rigore non concesso dall’arbitro. In una nuova posizione rende di più e sembra quasi tornato ai livelli della Roma. In crescita.
Camoranesi 6 - aiuta Ambrosini e company a far passare un finale di gara tranquillo.
Cassano 6.5 - diligente, continua a giocare per la squadra. Di tanto un colpo dei suoi come il tacco per Zambrotta. Una mina in attesa di esplodere con il suo talento ancor un po’ messo da parte per far spazio all’economia della squadra. Miccia accesa…
Toni 5,5 - è una sfida personale con Coupet. Talvolta frettoloso nella conclusione ha molti palloni per battarla dentro ma appare sempre un po’ lento ed impacciato. Dalla sua abbiamo il rigore procurato e il palo colto nel finale. Toro stanco.

- articolo letto 149 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale