| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2008-09-24

Comune mette all'asta il "Ferraris" nel frattempo la Samp pensa al "Dorianello"


La giunta comunale di Genova, ha deliberato di mettere all'asta, tramite un bando pubblico internazionale, lo stadio Ferraris!
Genoa e Sampdoria hanno detto "No Comment" alla notizia, spiegando che "In questo momento preferiamo concentrarci sul campionato, dopo vedremo di valutare la situazione".
A metà ottobre la "Sportingenova", società proprietaria degli impianti sportivi cittadini di cui il Comune è azionista di maggioranza, farà preparare il bando di gara.
L'assessore allo sport, Bruno Pastorino, spiega il perché di questa decisione: "la scelta di vendere un bene come lo stadio Ferraris, che non serve alla promozione sportiva essendo riservato al calcio professionistico è stata presa definitivamente da tempo.
Non solo non si tratta di una struttura strategica, ma ha anche costi che superano gli stessi canoni di gestione". Il Genoa che aveva manifestato più volte l'intenzione ad acquistare il "Ferraris" sembra l'unica candidata all'asta, in quanto la Sampdoria starebbe attendendo l'autorizzazione a costruire un suo stadio a Sestri Ponente, con annesso centro sportivo. Il complesso verrà costruito nel comune di Ronco Scrivia, alle spalle di Genova.
Se si troverà l'accordo con i proprietari dei terreni, i lavori potrebbero partire già fra 6 mesi ed il progetto prevederebbe quattro o sei campi di allenamento e dei centri polifunzionali dedicati all'attività sportiva. Il nome del nuovo centro sportivo sarà "Dorianello".
- articolo letto 204 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale