Area Tecnica Calcio
Tattica Calcio
Tutto Fantacalcio
 
| Home |  Serie A  | Serie BCalciomercato Curiosità  |  Nazionale Storie dei Campioni | Formazioni | Archivio News |      
2008-10-16

Storia del Campionato di Calcio: 1963-1964


Ed eccoci all’unico campionato dall’avvento definitivo del Girone Unico ad essersi concluso con uno spareggio.
Protagoniste saranno Inter e Bologna. Ma al di la dei motivi sportivi questo campionato sarà rimembrato per un caso doping senza precedenti che poi si rivelò farlocco.
Il 4 marzo, infatti, la FIGC comunicò che 5 giocatori del Bologna erano stati trovati positivi alle anfetamine dopo un match vinto contro il Torino. Ai granata fu assegnata la vittoria a tavolino, ai rossoblù un punto di penalizzazione, in attesa di ulteriori provvedimenti.
Come riportano le cronache dell’epoca, cito testualmente “Bologna scese in piazza gridando al complotto, la magistratura ordinaria intervenne e le provette furono sequestrate. Dopo un controllo accurato all'interno del Centro Tecnico di Coverciano, si scoprì che, in realtà, le provette contenente l'urina dei cinque giocatori erano state manomesse e le dosi di anfetamine rinvenute dentro quelle erano così eccessive che non solo un uomo, ma neanche un cavallo avrebbe potuto sopportarle.
Il complotto, molto probabilmente, esisteva. Il 16 maggio la CAF annullò le sentenze.” In virtù della revoca delle sentenze le squadre –Inter e Bologna- ultimarono il torneo a 54 punti e fu indispensabile ricorrere, per la prima volta, allo spareggio.
Pochi giorni prima dello spareggio, l'Inter si aggiudicò la Coppa dei Campioni, mentre il Bologna sprofondò nel dramma: il presidente Dall'Ara morì improvvisamente il 3 giugno, sorpreso da un infarto nel corso di un brutto bisticcio con il presidente dell'Inter Moratti.
Nello spareggio il Bologna del bomber scelto Nielsen (21 gol) si imporrà 2-0 sulla favorita Inter. Era il Bologna di Nielsen appunto, ma anche di Pascutti, H.Haller, e del mister Fulvio Bernardini. Il 14 maggio a Corleone: viene arrestato il capo di cosa nostra, Luciano Liggio, latitante da 16 anni. E' il primo duro colpo inflitto alla Mafia.
Approfondimenti calcistici disponibili su: http://www.rsssf.com/tablesi/italchamp.html
- articolo letto 1348 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale