Area Tecnica Calcio
Tattica Calcio
Tutto Fantacalcio
 
| Home |  Serie A  | Serie BCalciomercato Curiosità  |  Nazionale Storie dei Campioni | Formazioni | Archivio News |      
2008-10-15

"AQUILE ITALIANE": AZZURRI IN VOLO


Successo di misura per gli azzurri che con il punteggio di 2-1 liquidano la pratica Montenegro e si tengono saldamente la vetta della classifica del girone con 10 punti. Una prova a tratti convincente che fa ben sperare per il proseguo del cammino ai prossimi campionati del mondo. Per il ct Lippi un risultato positivo che gli permette di eguagliare il record di gare senza sconfitte (30) della nazionale di Pozzo. Mattatore della serata Aquilani che con una doppietta scaccia i fantasmi del gol di Vucinic e rilancia nel suo ruolo ideale il centrocampista giallorosso.
PARTENZA A TUTTO GAS – Una partenza così degli azzurri non la vedevamo da tempo. La voglia di ribaltare la serata noiosa in Bulgaria era tanta come la voglia di mettersi in luce di diversi giocatori. Da Dossena a Pepe, sugli esterni gli azzurri vanno a nozze e nei primi minuti si collezionano palle gol a raffica. Merito di un arioso 4-3-3 di Lippi con le veloci ali Di Natale e Pepe e con il supporto preziosissimo di Dossena da un lato e Zambrotta dall’altro. Ma è il ruolo chiave di Aquilani a fare la differenza.
La sua partenza come trequartista (ruolo dove ha fatto bene in campionato con la Roma) è micidiale come i suoi inserimenti nelle azioni, partecipando con ottima scelta di tempo alle manovre dei compagni. Siamo al minuto 9 quando il gioiellino giallorosso si smarca perfettamente in area piccola superando il diretto avversario. Primo gol in azzurro che sa di liberazione, di una meravigliosa avventura dove siamo solo all’inizio della storia.
VUCINIC-JOVETIC, IL MONTEGRO C’E’ – All’Italia di avvio gara va stretto l’1-0 ma dall’altra parte non c’è solo una squadra che difende anzi. Il vero potenziale è tutto nei piedi sapienti di Jovetic e Vucinic che insieme riescono a fare quello che la manovra corale del Montegro manca. Un’azione rapida di rimessa, la stella viola che taglia a metà la difesa azzurra come in una classica accelerazione alla Kakà, assist perfetto per Vucinic. Il capitano fredda prima Chiellini che gli lascia troppo spazio per il sinistro, quindi Amelia che non può nulla sul diagonale ravvicinato. E’ un emozionante botta e risposta quello che infiamma l’avvio di gara.
ALBERTONE SUPERBIS – L’Italia è favorita nella manovra offensiva dall’atteggiamento tattico degli avversari che concedono spazi a trio d’eccezione che spesso opera con grande libertà dietro la punta Gilardino. In particolare sono gli smarcamenti di Alberto a creare potenziali occasioni gol. Al 28esimo proprio un suo movimento in profondità permette l’assist vincente per un 2-1 meritato se consideriamo le azioni create in avvio dagli azzurri.
BATTAGLIA DI FANTASIA… - La ripresa almeno in avvio non smentisce una buona impressione per gli uomini di Lippi che avevano davanti un avversario non facile e con diversi giocatori di talento. Jovetic è il giocatore che suon la carica dopo un avvio di ripresa tutto a favore dell’Italia. Prima Zambrotta, poi Gilardino che spreca un assist al bacio del solito Aquilani. Ci vuole un attentissimo Amelia per dire di no al fantasista della Fiorentina che ci prova due volte mentre si prende un grande brivido sulla punizione nel finale di Vucinic.
- articolo letto 101 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale