Area Tecnica Calcio
Tattica Calcio
Tutto Fantacalcio
 
| Home |  Serie A  | Serie BCalciomercato Curiosità  |  Nazionale Storie dei Campioni | Formazioni | Archivio News |      
2009-01-15

Lazio: Non smontiamo l'albero


Le feste sono finite, il presepe torna in soffitta, ma per i tifosi della Lazio a 30 punti ed in piena corsa per l’Europa rimane di gran moda l’albero di Natale, vera novità tattica di quest’anno del nostro allenatore Delio Rossi.
Dopo un periodo di critiche sulle scelte del mister, i tifosi biancocelesti stanno ricominciando ad apprezzare il gran lavoro del tecnico, che dopo la sua prima stagione col 4-4-2, le successive col 4-3-1-2 sembra ora aver trovato la quadratura tattica giusta con questo modulo che ha reso famosi nel mondo i rossoneri di Ancelotti.
Per la verità fu la Francia campione del 1998 la prima ad adottarlo, poi lo fece il Brasile, ma con attaccanti veri dietro la punta centrale, il Milan che vinse la Champions nel 2007 è l’esempio più vicino a questa Lazio. Che schieri Foggia o Rocchi assieme al duo delle meraviglie Pandev-Zarate, la squadra biancoceleste sta trovando la sua identità di squadra in uno dei moduli considerati più offensivi di tutti nel calcio. Tommaso il capitano sembra più adatto per movimenti e per caratteristiche a fungere da puntale, anche Maurito Zarate se non viene stretto dai difensori avversari in quel ruolo ha dimostrato abilità e tanti gol, ma a Reggio il finalizzatore è stato Goran Pandev, per cui l’idea di non dare punti di riferimento agli avversari e scambiarsi i compiti d’attacco durante le partite sembra possa essere la svolta vera di questa squadra.
Il centrocampo a tre ha un “vertice basso” ideale con Ledesma, che ultimamente supportato da Meghni invece di Mauri, più adatto al 4-3-1-2 ha sofferto meno le marcature avversarie. Dabo o Brocchi garantiscono continuità, in attesa di Matuzalem. Completano il quadro tattico i quattro dietro: attenti alla fase difensiva, ma allo stesso tempo bravi a spingere sulle corsie laterali, con i 2 centrali difensivi più bloccati del solito. Non è un modulo facile, soprattutto per l’equilibrio tra fascia e centro del campo, come in qualunque tattica moderna bisogna riuscire a tenere corti i reparti, cosa che Delio Rossi cerca di fare da quando ha iniziato ad allenare.
Non ci resta che aspettare e vedere dove ci porterà quest’anno ..Uefa? ..Champions? Sognare non costa nulla.
- articolo letto 999 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale