Area Tecnica Calcio
Tattica Calcio
Tutto Fantacalcio
 
| Home |  Serie A  | Serie BCalciomercato Curiosità  |  Nazionale Storie dei Campioni | Formazioni | Archivio News |      
2009-03-12

Storia dei Mondiali di Calcio: tutto ebbe inizio negli anni 1930


Il campionato del mondo di calcio, la cui denominazione ufficiale attuale è Coppa del Mondo FIFA (ingl. FIFA World Cup, fr. Coupe du Monde FIFA) è la massima competizione calcistica internazionale della FIFA riservata alle squadre nazionali maschili. Tale manifestazione è partorita nel 1928 dalla mente dell'allora presidente della Federazione Internazionale delle Associazioni Calcistiche, il francese Jules Rimet da cui deriva il nome della Coppa, almeno sino al 1970 quando sarà sostituita dalla Coppa del Mondo. La prima edizione ebbe luogo in Uruguay nel remotissimo 1930, quando il calcio era sì agli albori ma si era scrollato di dosso quell’aureola di pionierismo che l’aveva caratterizzato per decenni.
Era quella un’epoca contraddistinta per i Totalitarismi che infestavano l’Europa e non solo; per l’avvento d’idee razziste, nazionaliste e fanatiche sulla scia del pensiero Hitleriano e di tanti emuli come Stalin in Russia (URSS) e Mussolini in Italia.
Il Mondo avrebbe consumato gli ultimi lustri di pace prima del conflitto più terribile nella storia dell’umanità. Eppure in mezzo a ciò si trovava spazio per il confronto sportivo. In quell’anno, fra l’altro, Gandhi iniziava in India la “disobbedienza civile” nei confronti della Gran Bretagna che avrebbe condotto un giorno gli indiani all’indipendenza dall’oppressore.
Prima d’allora non vi erano mai stati tornei di livello internazionale ufficialmente riconosciuti e la rassegna iridata rappresentava una rivoluzione calcistica senza precedenti, se si eccettuano le Olimpiadi, dove però il football non riscuoteva un’attenzione particolarmente rilevante, anche perché si trattava di formazioni amatoriali e quindi non rappresentanti dell'effettiva forza del movimento calcistico degli stati.
Una mezza idea di una competizione che fosse espressione di grande calcio l’aveva avuto il famoso uomo del tè, Lipton, uno dei veterani della Coppa America di Vela cui lui aveva contribuito, partecipandovi, ad una elevazione senza eguali. Tuttavia era ancora presto per prendere seriamente la sua proposta che finì per essere accantonata.
- articolo letto 1152 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale