| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2009-04-07

Commento Tattico: Cagliari - Catania


A Catania non s'è mai parlato di titolari inamovibili , giustamente, così da non caricare troppo l'orgoglio di alcuni sgonfiando magari quello di altri; uno stratagemma utile a tener tutti i giocatori nello stato di tensione agonistica proficua, quella che garantisce prestazioni ai massimi livelli. Tuttavia, è pur vero che, se il massimo sforzo è comunque apprezzabile, non sempre questo “massimo” è qualitativamente uguale per tutti i concorrenti ad un ruolo, tanto da far risultare, alcuni giocatori titolari, realmente indispensabili all'equilibrio tattico della squadra, sia per qualità tecniche che per interpretazione del ruolo. Sentore se n'era avuto lungo tutta la stagione, la certezza è arrivata con la prova offerta a Cagliari, dove l'assenza di giocatori chiave come Ledesma (infortunio) e Biagianti (giornata no, e pare noie muscolari) , ha comportato un riassetto complessivo della manovra etnea, dove le forze in gioco, soprattutto a centrocampo, hanno finito col limitarsi reciprocamente piuttosto che sommarsi.
Non è stato raro, ad esempio, veder contendere un pallone tra due compagni di squadra, soprattutto in zona tiro, per poi notare l'assenza di un pressing ordinato ed omogeneo, in ogni zona del campo, sul portatore di palla.
Riscontro a queste osservazioni lo si trova nei numeri che il Cagliari raccoglie a centrocampo, dove i suoi palleggiatori vantano una media di precisione nei passaggi che viaggia sull'ordine dell'80% , contro il 60% circa di quelli etnei, Baiocco e Tedesco su tutti, che fino ad una partita fa avevano assolto ad altri compiti piuttosto che a quello di “registi”, svolto con impegno ma anche con poco efficacia, e che nel medesimo tempo ne ha limitato altre qualità come ad esempio l'interdizione. Pochissimi i contrasti vinti dai due al S.Elia, con conseguente sovraccarico di lavoro per la difesa, dove la giornata no di Biagianti , fino alla sua sostituzione ha fatto venir il mal di testa a Carboni, costretto al doppio lavoro, su Jeda e Cossu, alternativamente sempre liberissimi in prossimità dell'area di rigore , bravi a rifinire per gli inserimenti dei centrocampisti od a conquistarsi preziose punizioni, una delle quali costa il giallo all'argentino (che comunque riesce a recuperare ben 32 palloni durante tutta la gara).
Allegri nota la difficolta' del Catania nel coprire sui due fantasisti e sprona gli esterni difensivi a spingersi in avanti, sovrapponedosi, attivo piu' di tutti Agostini, sulla cui fascia il Cagliari concentra il 40% del suo gioco.
Zenga allora toglie Biagianti, inserisce Llama sulla sinistra spostando Mascara, che ha perso il duello con Conti, a destra, in modo da tenere alti i due esterni avversari, limitandone le sovrapposizioni, e permettendo a Baiocco e Tedesco maggiore libertà. Pochi minuti piu' tardi arriva il goal , l'ennesimo che il Catania subisce da un giocatore subentrato a gara in corso, stavolta e' Matri; scoordinato l'intervento in anticipo di Silvestri, entrato da poco per l'infortunato Potenza , a proposito di giocatori insostituibili, ed ancora in cerca delle giuste misure in marcature. Non fosse stato goal, probabilmente sarebbe stato assegnato rigore.
A non perdere la tramontana, fino a quel momento, i quattro di difesa, benissimo Stovini e Silvestre, che vincono oltre il 70% dei contrasti , ma nella poca efficacia dei loro rinvii c'é la poca verve di chi dovrebbe precipitarsi a contendere gli spioventi d'alleggerimento, che invece si rivelano quasi tutti preda della mediana sarda. Insomma, 47% di precisione nei passaggi riusciti, col 60% concesso invece agli avversari, è un dato che spiega gran parte della sconfitta, la prima in trasferta dall'inizio del girone di ritorno.
A dare i primi frutti tangibili sono gli allenamenti sui tiri in porta, non piu' solo Mascara e Paolucci, anzi, ad andare vicino al goal sono Capuano e Baiocco, sulla precisione si dovra' ancora lavorare, ma intanto, per la prima volta, una gara in trasferta vede il Catania concludere in porta lo stesso numero di volte dei padroni di casa e, altro caso inedito, li supera nella percentuale di attacco alla porta , sfondando quota 30% su una media precedente del 20%, mantenendo comunque alto l'indice di protezione della propria area.
I dati snocciolati parlano quindi di una gara che il Catania ha ben giocato dal punto di vista tattico, ma dove non ha saputo approfittare di un Cagliari tutt'altro che imbattibile poiche' privata di elementi od efficaci sostituti nelle zone cardine al gioco, che e' traino del morale, percepito decisamente al di sotto degli standard visti nelle ultime uscite degli etnei.
Le tante equivalenze numeriche suggeriscono il pareggio come risultato piu' giusto, ai punti; ma a decidere la gara e' invece il classico episodio che in piu' d'una occasione il Catania s'e' trovato a dover maledire. Questione da archiviare, presto, tenendo quei progressi fatti, anzitutto la prova di Capuano e trovando, magari in Izco , sostituto piu' adatto ad una eventuale assenza di Potenza; a Torino ritorneranno sia Ledesma che Martinez, buone novelle per Zenga che dovra', in poco meno di 5 giorni, ridare al Catania la quadratura di gioco piu' congeniale alle caratteristiche dei suoi interpreti, violentate in ragione del necessario sacrifico tattico contro il Cagliari; e da qui, oltre che da una sana discussione sui traguardi di questo Catania, ritrovare le motivazioni giuste per affrontare un Torino da anni avversario ostico, e che gia' l'anno scorso e' stato crocevia per il destino Salvezza del Catania, sofferto poi fino all'ultima giornata.
Cagliari - Statistiche - Catania
61,6 Possesso Palla (%) 38,4
1 Gol 0
626 Palle Giocate 467
10':43'' Supremazia Territoriale (min) 7':55''
64,1 Protezione Area (%) 66,0
34 Attacco alla Porta (%) 35,9
44,3 Pericolosità (%) 30
4 Tiri In Porta 3
4 Tiri Fuori 10
6 Tiri Respinti 1
0 Pali e Traverse 0
3 Fuorigioco 2
5 Corner 1
30 Cross 13
16 Dribbling 5
423 Passaggi 264
60,6 Passaggi Positivi (%) 47,3
70,15 Passaggi Lunghi (%) 50,75
50 Contrasti Vinti 59
46,87 Contrasti Vinti (%) 54,13
9 Falli Subiti 17
2 Ammoniti 2
0 Esplusi 0
- articolo letto 951 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale