| Calciomercato |  Formazioni ufficiali  | PronosticiCuriosità e statisticheArea TecnicaStorie di CampioniVideo  |  Sport |
 
| Home |  Serie A  | Partite di oggiDiretta delle partite   Risultati liveFantacalcio  |  Probabili formazioniCalcio in tvCalcio News |
2009-06-17

Le Regole del Calcio - Le Meno Conosciute (1°parte)


Per saperne di più sullo sport più amato al Mondo.
IL PALLONE, QUESTO SCONOSCIUTO - Cominciamo questa sequela di regole del gioco calcio con l’oggetto fondamentale di questo sport, cui non si potrebbe prescindere, il pallone. Le caratteristiche che deve presentare il pallone sono le seguenti:
1) materiale: cuoio o altro approvato
2) circonferenza massima di cm. 70 e minima di cm. 68
3) peso all’inizio della gara massimo di gr.450 e minimo gr. 410
4) pressione fra 0,6 e 1,1 atmosfere (pari a 600 - 1100 gr./cm 2).
Se il pallone scoppia o si danneggia nel corso della gara deve essere sostituito immediatamente. La gara riprenderà, con un nuovo pallone, con una rimessa da parte dell’arbitro nel punto in cui si trovava il pallone nel momento in cui si è reso inutilizzabile.
Comunque il pallone non potrà essere sostituito durante la gara senza l’autorizzazione dell’arbitro. Per le gare disputate nell’ambito delle competizioni della FIFA o delle Confederazioni o delle Federazioni Nazionali è interdetta ogni forma di pubblicità commerciale sul pallone. Sono approvati unicamente il logo della manifestazione, il nome dell’organizzatore ed il marchio del fabbricante del pallone. I regolamenti delle manifestazioni possono imporre dei limiti concernenti il formato ed il numero di codeste diciture.
I CALCIATORI -
La gara non può essere proseguita se una delle due squadre, a causa di espulsioni multiple od infortuni, si venga a trovare con meno di sette calciatori. I giocatori non sono autorizzati ad esibire degli slogan o delle pubblicità che figurino sui loro indumenti intimi. Ogni calciatore che si tolga o sollevi la propria maglia per esporre degli slogan o delle pubblicità, dovrà essere sanzionato dagli organizzatori della competizione.
Ciò tuttavia continua a creare delle polemiche in seno alla classe arbitrale, visto che l’ammonizione è ritenuta una pena accessoria cui si dovrebbe fare a meno. Meglio riservare tutta questa severità a chi attenta all’incolumità degli avversari, non credete anche voi?
- articolo letto 188 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale