Area Tecnica Calcio
Tattica Calcio
Tutto Fantacalcio
 
| Home |  Serie A  | Serie BCalciomercato Curiosità  |  Nazionale Storie dei Campioni | Formazioni | Archivio News |      
2009-08-12

Napoli, Campagnaro monitorato da Maradona, ma occhio all'Italia di Lippi


"Oltre a Quagliarella e De Sanctis, mi piacciono altri due giocatori acquistati dal Napoli: Campagnaro, difensore molto bravo, e Zuniga, giovane e interessante esterno". A parlare è il ct per antonomasia, Marcello Lippi. Investitura importante da parte del mister di Viareggio per entrambi i sudamericani, tasselli imprescindibili del secondo quinquiennio azzurro targato Aurelio De Laurentiis. Sono i volti del nuovo napoli che hanno più entusiasmato: Zuniga per esplosività, duttilità e senso della posizione, Campagnaro per autorità, marcatura, tecnica di base e determinazione. Se per il colombiano è inutile dilungarsi sul discorso in chiave nazionale poichè inserito ormai da anni in pianta stabile nel reparto arretrato colombiano, trattatamento diverso merita il "Toro" di Moron, entrato già nel cuore dei napoletani dopo pochissime apparazioni. Hugo Campagnaro non è mai stato convocato dalla selecion del suo paese, nonostante la cantera argentina difensiva negli ultimi anni non abbia sfornato cosi' tanti talenti come per il reparto avanzato. Le cose, però, nell'anno dei mondiali potrebbero cambiare. Sulla panchina dell'albiceleste c'è un certo Diego Armando Maradona, idolo dei napoletani e da sempre molto attento alle vicende degli azzurri. Le convocazioni di Lavezzi, Denis e Datolo dimostrano l'attaccamento del Pibe per la sua terra d'adozione. Dopo la sua investitura come ct da parte dell'Afa potrebbe essere proprio Hugo Armando Campagnaro il quarto napoletano-argentino ad essere convocato da Maradona. Particolare da non sottovalutare è la presenza nello staff tecnico della Selecion di Miguel Angel Lemme, vice di Dieguito e primo allenatore ai tempi del Moron di Campagnaro. Le premesse per una sua convocazione ci sono tutte ma vietato dare tutto per scontato, ci potrebbero essere piacevoli sorprese per tutto noi italiani: Campagnaro risiede nello stivale già da 8 anni ed è in possesso della cittadinanza italiana ragion per cui potrebbe essere anche convocato per la nazionale maggiore italiana come recita l'articolo Articolo 15, paragrafo2, del Regolamento Fifa "Un calciatore avrà il diritto di giocare per la nuova squadra rappresentativa soltanto se ha vissuto continuamente per almeno cinque anni dopo il raggiungimento del 18° anno di età nel territorio della Federazione interessata". Campagnaro convocato da Lippi, ipotesi suggestiva. La nazionale tricolore potrebbe disporre di un difensore duttile capace di giocare indistintamente sia da centrale che da esterno basso di difesa, in un periodo in cui la difesa italiana non offre cosi' tante garanzie sul piano dell'affidabilità. Sarebbe l'ennesimo "Oriundo" nato in un altro continente ma dalle chiare origini italiane a vestire la maglia azzurra della nazionale, figlio acquisito di un paese che in passato ha abbracciato i vari Sallustro, Pesaola, Altafini, Camoranesi, Angelillo, Sivori, Sormani, Sormani e ultimo in ordine cronologico Osvaldo. Intanto a livello mediatico Hugo Armando Campagnaro spopola, forse è l'unico calciatore a livello planetario che può vantare di un blog http://hugocampagnaro.blogspot.com, di un forum www.hugocampagnaro.net, di una webtv http://www.justin.tv/hugocampagnaro, di un canale youtube http://www.youtube.com/hugocampagnaro dove si possono ammirare tutte le sue imprese ed infine un di una fans page su Facebook, famoso social network che va per la maggiore soprattutto nel mondo giovanile http://www.facebook.com/pages/Hugo-Campagnaro/102377642293. Gli spettatori ci sono, l'Arena è quella sudafricana, Toro scegli il tuo matador: Maradona o Lippi.
- articolo letto 187 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale