Area Tecnica Calcio
Tattica Calcio
Tutto Fantacalcio
 
| Home |  Serie A  | Serie BCalciomercato Curiosità  |  Nazionale Storie dei Campioni | Formazioni | Archivio News |      
2010-02-27

Ciclismo giro di Sardegna: seconda piazza per Petacchi!


Alberto Loddo ha vinto allo sprint l’ultima tappa del Giro di Sardegna, 141 chilometri da Sant’Antioco a Cagliari, precedendo sul traguardo uno stoico Alessandro Petacchi, al via come se nulla fosse, dopo la brutta caduta che solo ieri lo aveva visto suo malgrado protagonista, fortunatamente senza riportare conseguenze significative.
La vittoria finale della corsa è andata a Roman Kreuziger (Liquigas-Doimo): il ceco si era imposto mercoledì sull’arrivo in salita di Monte Ortobene, l’unica asperità del Giro. Fabrizio Bontempi, ds della Lampre-Farnese Vini, ha così commentato l'andamento della gara: "Una fuga di un solitario attaccante ha caratterizzato la corsa. Con l'aiuto dell'Androni e della Liquigas abbiamo controllato questa azione, neutralizzandola a 10 km dall'arrivo. La preparazione della volata è stata ottima, Loddo è però stato scaltro ad anticipare i tempi nell'approcciare una semicurva a destra e così Petacchi ha dovuto accontentarsi del secondo posto.
Dopo quanto accaduto ieri, per Alessandro era comunque già importante essere là davanti a lottare per fare risultato: considerando i postumi della caduta occorsa a Petacchi, bisogna sottolineare come Loddo sia stato bravo a sfruttare una tappa corta, adatta a velocisti che fanno dell'esplosività la loro cifra distintiva". Petacchi ha comunque vinto la class. a punti.
Domani la Lampre-Farnese Vini è attesa al via della Classica Sarda, gara dal percorso ondulato con la salita di San Pantaleo posta a 30 km dall'arrivo: un'altra occasione per i velocisti dotati di buon fondo.
- articolo letto 157 volte

archivio news



Calciomagazine.net© - Edizione Sportiva del Periodico L'Opinionista
n. reg. Trib. Pescara n.08/08 dell'11/04/08. Iscrizione al ROC n°17982 del 17/02/2009 - p.iva 01873660680
tutti i diritti sono riservati - vietata ogni riproduzione anche se parziale