Arrampicata, i migliori giovanissimi talenti brillano San Martino di Castrozza

16

Nella tre giorni di Campionato Italiano Giovanile proclamati i nuovi Campioncini U12, U14 e le migliori squadre U1
­

giovanissimi arrampicataSAN MARTINO DI CASTROZZA – In una soleggiata ed accogliente San Martino di Castrozza si sono incontrati e confrontati, in una tre giorni entusiasmante, i migliori giovani talenti dello sport arrampicata U14 provenienti da tutta Italia.

Al Palazzetto dello Sport ai piedi delle Pale di San Martino, nella Valle di Primiero, sono infatti andate in scena competizioni davvero appassionanti che hanno ripagato gli organizzatori dell’impegno profuso: bilancio decisamente positivo per il responsabile della sezione arrampicata dell’US Primiero, Yuri Gadenz, orgoglioso dell’intensa partecipazione. E grandissima soddisfazione per il DT del Settore Giovanile della FASI, Cristina Cascone: “È stata una festa dello sport, un Palazzetto stracolmo di genitori e di bambini che si sono divertiti tantissimo. Bellissime le sfide motorie che i tracciatori hanno predisposto per loro: divertenti, ma anche di adeguata difficoltà. Particolarmente emozionante la gara dei Team U10, con tutte queste piccole promesse dell’arrampicata chiamate a rappresentare le loro zone tecniche, con l’individuazione finale dei migliori vivai giovanili.

È stata un Campionato appassionante, organizzato bene, gestito bene, reso speciale dall’entusiasmo e dall’energia che trasmettevano i giovanissimi atleti coinvolti. Come responsabile del settore giovanile sono molto soddisfatta di questo bell’evento di sport giovane che guarda al nostro futuro”.

Nel primo giorno di gare si sono svolte le prove Boulder di squadra per gli U10. Le squadre, composte da 4 mini atleti, si sono confrontate su 8 percorsi allestiti sul lato nord del Palazzetto dello Sport di San Martino. Primi classificati i giovanissimi del Veneto, seguiti da quelli del Trentino Alto Adige.

Si sono poi disputate le gare Lead U12: la Campionessa Italiana è Daria Pupillo (Rock Dreams Roma) con 3 top, seguita da Aurora Juliet Fontanive (Opera Verticale ASD), argento, e da Valentina Muzzio (MilanoArrampicata), bronzo. Nel comparto maschile il nuovo Campione Italiano è Marco Lippi (MilanoArrampicata) con 3 top, seguito da Simon Fill (AVS Brixen), argento, e da Jonas Schuen (AVS Bruneck), bronzo.

L’appuntamento clou della giornata è stata la sfida Speed U14, con circa 80 partecipanti fra maschi e femmine. Campionessa Italiana è Matilde Capoferro (Star Wall Climbing Roma), che supera in finale Aurora Marie Arezzo (Monkey’s Planet), argento. Bronzo per Margherita Palazzini De Vecchi (Stone Age SSD), che nella finale per il terzo posto supera Romy Koellemann (AVS Brixen). Il nuovo Campione di velocità U14 è Hervé Melada (Rock Brescia ASD) che supera Jaouad Bouih (Climbers Triuggio), argento. Bronzo per Riccardo Bergamaschi Cremonesi (Big Walls), che supera nella finalina Forrest Christopher Marangoni (Pro Recco).

Nella seconda giornata sono proseguite le prove di squadra per gli U10, impegnati nella prova Lead, dove dominano incontrastate le giovanissime del Veneto (Artico, Carretta, Cavedon, Citton), già vittoriose nel Boulder, seguite dalle mini atlete del Trentino Alto Adige e poi dalle piccole dell’Emilia Romagna. Per il comparto maschile è trionfo della squadra del Lazio (Brunetti, Cardinali Fabi, Frascarelli, Trillò), dopo avere conquistato il primo posto anche nel Boulder. Seguono i piccoli atleti del Trentino Alto Adige e della Toscana.

La gara Speed U12 ha incoronato i nuovi giovani Campioni Italiani: Valentina Muzzio (MilanoArrampicata), dopo il bronzo nella Lead, conquista l’oro nella velocità superando in finale Maya Magnani (On Sight SSD), argento. Bronzo per Alisee Cacciatore (On Sight SSD), che nella finale per il terzo posto ha la meglio su Aurora Juliet Fontanive (Opera Verticale ASD).

Nella compagine maschile il nuovo Campione Italiano è Marco Lippi (MilanoArrampicata ASD) che in finale supera Elia Valnegri (Ragni Lecco), argento. Lippi accumula così il secondo titolo dopo l’oro nella Lead. Bronzo per Lorenzo Zulueta (Four Climbers Bologna) che nella finalina batte il cronometro più velocemente di Emil Weiss (AVS Bozen).

Si disputa inoltre la combattutissima competizione Boulder U14: la Campionessa Italiana è Anita Parisotto (X-Fighter Team), che dopo un’ottima qualifica con 5 top è stata l’unica in finale a raggiungere tutti e 3 i top. Argento per Maddalena Faragona (Sisport SSD), bronzo per Chiara Franceschi (Arco Climbing).

Il Campione Italiano è Forrest Christopher Marangoni (Pro Recco) che, dopo il quarto posto nella Speed che lo aveva lasciato fuori dal podio, stavolta conquista il gradino più alto. Argento per Riccardo Piccirilli (Gollum Climbing Academy) e bronzo per Matteo Franchi (Beta House SSD).

La terza giornata chiude il CIG con la proclamazione degli ultimi Campioni delle tre categorie.

La competizione Boulder U12 femminile vede un appassionante testa a testa fra Daria Pupillo (Rock Dreams Roma) e Sophie Pederiva (AVS Brixen), che raggiungono entrambe 8 top, di cui 5 flash. La differenza tentativi premia l’atleta romana, che bissa l’oro della Lead. Terzo posto per Valentina Muzzio (MilanoArrampicata) che sale sul podio in tutte le specialità: questo è infatti il secondo bronzo dopo quello nella Lead, ma può vantare un bell’oro nella Speed.

Anche nel comparto maschile lo spettacolo è stato di altissimo livello: il nuovo Campione Italiano, Simon Fill (AVS Brixen) ha inanellato 8 top, di cui ben 7 consecutivi flash. Marco Lippi (MilanoArrampicata) conquista l’argento con 8 top di cui 5 flash, così come Diego Di Luca (Gollum Climbing Academy), che però impiega più tentativi. Per Lippi si tratta del terzo podio in 3 specialità.

Nella specialità di difficoltà gli U14 tirano fuori tutte le loro energie per una gara davvero combattuta fino all’ultima presa. Nel comparto femminile la nuova Campionessa Italiana è Anita Parisotto (X-Fighter Team), che aveva raggiunto il top in entrambe le vie di qualifica e che con questo risultato accumula il secondo titolo italiano dopo quello nel Boulder. Argento per Aurora Grigoli (Kadoinkatena Genova) che raggiunge lo stesso numero di prese, ma in qualifica aveva un punteggio inferiore. Bronzo per Agnese De Micheli (Vertikarcare).

Nel comparto maschile il nuovo Campione Italiano è Carlo De Cristofaro (Star Wall Climbing Roma), argento per Riccardo Bergamaschi Cremonesi (Big Walls), già titolare di un bronzo nella Speed. Bronzo per Hervé Melada (Rock Brescia ASD), che aggiunge questa medaglia all’oro conquistato nella Speed.

I piccoli dell’U10 si cimentano nella sfida a squadre di Speed: nel comparto femminile si aggiudica la vittoria il Team del Trentino Alto Adige, con Martini, Hell, Heel e Weiss. In Combinata la vittoria viene conquistata dalla squadra del Veneto (Carretta, Artico, Citton, Cavedon), seguita dal Trentino e dall’Emilia Romagna. Nella competizione di velocità maschile è trionfo del Lazio, con Trillo’, Cardinali, Brunetti, Frascarelli, che si aggiudicano a pieno titolo anche la vittoria in Combinata, davanti al Trentino Alto Adige (Daldos, Lucchi, Oberrauch e Waldner) e alla Lombardia.

Oltre ai risultati delle singole specialità, al termine di tutte le competizioni, sono state assegnate anche le ambite medaglie di Combinata. Campionessa Italiana di Combinata U12, grazie a 2 ori e 1 bronzo, è Daria Pupillo, argento per Valentina Muzzio, bronzo per Aurora Juliet Fontanive (Opera Verticale ASD). Il Campione Italiano U12 di Combinata 2024, grazie a 2 ori e 1 argento, è Marco Lippi, argento per Simon Fill e bronzo per Emil Weiss (AVS Bozen).

Nella categoria U14 la nuova Campionessa di Combinata è Matilde Capoferro (Star Wall Climbing Roma), grazie all’oro nella Speed, quarto posto nella Lead e ottavo posto nel Boulder. Argento per Anita Parisotto, nonostante i 2 ori nella Lead e nel Boulder, essendosi piazzata solo 38° nella Speed. Bronzo per Aurora Grigoli (Kadoinkatena Genova).

Fra i ragazzi domina Hervé Melada, oro, seguito da Forest Christopher Marangoni, argento e da Riccardo Bergamaschi Cremonesi, bronzo.

Aldilà della pioggia di medaglie, il successo di questo Campionato Italiano Giovanile è stato determinato dalla grande partecipazione, dall’entusiasmo e dalla qualità sportiva portata dalle squadre di tutt’Italia. E chissà, magari qualcuno di questi piccoli Campioni un giorno porterà la maglia della Nazionale nelle competizioni in giro per il pianeta!