Cannavaro si racconta: “Mi piacerebbe poter allenare in Italia”

158

logo instagram

Le parole dell’ex difensore di Juventus e Real Madrid, tra le altre, nel corso di una diretta Instagram con Nicolò De Devitiis

ROMA – Fabio Cannavaro si è raccontato nel corso di una lunga diretta Instagram con Nicolò De Devitiis. Queste le sue parole a cominciare dalla testa di Zidane a Materazzi: “Io ricordo solo il rumore, devo essere sincero. Ero lì vicino, mi girai e vidi Marco a terra. Sentii questo rumore e Marco mi disse ‘Mi ha dato una testata’. Se era dolorante? Al di là di quello, ha fatto quello che doveva fare. Si è buttato a terra e arrivederci e grazie. Ma fu una bella testata”. Su Pirlo ha aggiunto: “Lui è un bastardo, io lo posso dire. Andrea è sottile, ha la battuta dentro, è divertente e non è un musone come sembra. E’ molto di compagnia”.

Un aneddoto su Giorgio Chiellini: “Quando lasciai la Nazionale mi chiamò un giorno Giorgio Chiellini che mi disse ‘Fabio, posso prendere la camera 205?’. Io risposi ‘Certo, perché mi chiami?’. E lui ‘Perché ho paura di qualche fantasma, dopo tanti anni che sei stato lì dentro’. Giorgio è una persona che stimo moltissimo”. Su una possibile esperienza da allenatore in Italia ha dichiarato: “Mi piacerebbe, è normale. Sono quattro anni che sto sul campo, certamente mi sento più pronto, riesco a parlare con i giocatori e a farmi capire nonostante la lingua. Ho il mio staff e le mie idee, è una cosa molto importante”.

Sul Napoli: “E’ sempre stata la mia squadra del cuore, purtroppo ci ho giocato poco per problemi societari e poi non c’è stato già modo di tornare. Hanno detto che De Laurentiis mi voleva e che io non ci sono voluto andare, ma non c’è mai stato un contatto vero e proprio. Allenare il Napoli? Adesso hanno un grande allenatore. Io sono di Napoli, vivo a Napoli, la mia famiglia è di Napoli. A chi non piacerebbe allenarlo? Adesso quello che mi interessa e fare il mio percorso e di farmi trovare pronto”.

Articoli correlati