Formula 1, test aerodinamici e galleria del vento: cosa cambia dal 2021

72

Formula 1, test aerodinamici e galleria del vento: cosa cambia dal 2021

I vari team saranno limitati al numero di prove di test in galleria del vento e alla progettazione assistita da computer.

LONDRA – La storia verrà fatta la prossima stagione, quando la Formula 1 introdurrà una nuova scala radicale per i test aerodinamici basati sul successo di una squadra in pista. Come parte di un pacchetto di modifiche ai regolamenti, che include l’introduzione di un limite di spesa a partire dal 2021 che è stato rivisto per riflettere l’impatto della pandemia di coronavirus, i team saranno limitati al numero di prove di test in galleria del vento e alla progettazione assistita da computer (CAD) ore che possono fare per sviluppare la propria auto da corsa. Si spera che oltre a ridurre i costi e rendere più sostenibili sia le singole squadre che il campionato, creerà anche condizioni di parità che dovrebbero condurre a gare più competitive e imprevedibili.

Cosa cambia

Negli anni passati, la quantità di sviluppo aerodinamico era illimitata. Significava che alcune squadre gestivano le loro gallerie del vento 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Alcune squadre hanno anche gestito più di una galleria del vento.  Questo tipo di sviluppo ha aiutato i team a guadagnare decimi di secondi cruciali, ma è stato estremamente costoso. In tempi recenti, sono state introdotte restrizioni, al punto che fino a quest’anno le squadre erano limitate a 65 piste nella galleria del vento a settimana. Ma la prossima stagione, in concomitanza con l’introduzione del limite di spesa, l’indennità di default sarà ridotta di oltre il 30% a sole 40 corse a settimana. Inoltre, per la prima volta, la tolleranza di ciascuna squadra per la galleria del vento e i tempi dei test CFD sarà definita dalle prestazioni in pista.

Funzionamento della bilancia

Si baserà sulla posizione del campionato alla fine della stagione precedente e quindi verrà ripristinato il 30 giugno di ogni anno per riflettere lo stato attuale della situazione. Per il 2021, se l’ordine di pagamento rimane lo stesso, Mercedes riceverà il 90% della dotazione di test, che si traduce in 36 corse a settimana (poco meno della metà di quello che avevano per questa stagione). L’allocazione aumenta quindi man mano che scendi in griglia in ordine di campionato, come puoi vedere nella tabella qui sotto. All’altra estremità della scala, Williams in decima posizione (o qualsiasi nuova squadra che entra in F1) avrebbe un margine significativamente più alto del 112,5% o 45 corse a settimana. Dal 2022 in poi, le assegnazioni riducono per tutte le squadre le squadre al nono e decimo posto. Il miglior team riceverà il 70%, che vedrà la sua assegnazione scendere a 28 corse a settimana. La squadra al 9 ° posto riceverà la stessa dotazione dell’anno precedente, mentre la squadra al 10 ° posto vedrà un aumento di una corsa a 46.

L’impatto previsto dal cambiamento

L’obiettivo è ridurre i costi e livellare il campo di gioco. “Livellerà il campo di gioco nel corso di una stagione? Probabilmente no ”, afferma Jason Somerville, responsabile dell’aerodinamica della F1, che ha fatto parte del team per definire i nuovi regolamenti tecnici. “Ma nel corso di alcune stagioni, è molto improbabile che non vedrai una chiusura della griglia.” È dal 2022 che dovremmo davvero vedere il cambiamento, così è quando le squadre inizieranno da un foglio bianco per gentile concessione di modifiche all’ingrosso al Regolamento tecnico nel tentativo di migliorare la qualità delle corse .

Mentre i team avranno già iniziato a lavorare su quelle auto, esiste un divieto di ulteriori lavori fino al gennaio 2021 – e ci si aspetta anche che vengano apportate ulteriori modifiche alle regole.“Non sarà del tutto un reset, ma ci saranno alcune modifiche alle regole, quindi quando inizieranno a gennaio, stanno per ricominciare da zero”, aggiunge Somerville. “Quindi spetta a te come squadra decidere come utilizzare le piste della galleria del vento. “Se sei una Mercedes, quante delle tue 28 corse dedichi alla tua auto del 2021 e quanto dedichi al 2022? È una decisione difficile. A seconda di dove ti trovi nell’ordine competitivo, potresti non voler rinunciare alla macchina attuale”.

L’impatto sulle grandi squadre

Squadre come Mercedes, Ferrari e Red Bull dovranno essere ancora più efficienti di quanto non lo siano già con il modo in cui usano la galleria del vento e il tempo CFD. “Tutti hanno 65 corse alla settimana e penso che tutti usino praticamente tutte le loro corse”, afferma Somerville. “È così che trovano miglioramenti sulla loro auto, quindi nel corso di una stagione, c’è un drumbeat costante di nuovi design per rendere la tua auto costantemente più veloce. “Se una squadra come la Mercedes o la Ferrari ha meno tempo, non c’è dubbio che avvertiranno un po ‘di dolore. Se si sposta il pregiudizio verso le squadre più piccole, queste miglioreranno, forse le squadre più grandi non lo faranno. “Ma vale anche la pena dire che una corsa in galleria del vento non vale lo stesso per tutte le squadre. Una pista della galleria del vento Mercedes è probabilmente più efficiente, perché hanno un gruppo aerodinamico molto ben finanziato e molto forte, quindi nel corso degli anni hanno reso efficiente il processo”.

L’impatto sui team minori

Con più ore disponibili, i team che hanno terminato in basso l’ordine possono essere più aggressivi con il loro sviluppo. Il tempo aggiuntivo offre loro la capacità di esplorare idee aerodinamiche più diverse, che in caso di successo potrebbero aiutarle a scalare l’ordine di beccata. Alla fine, però, avere più tempo non ti renderà più veloce: è come lo usi …

Articoli correlati