Inter Campus: il progetto in Tunisia con Catalyst Foundation

37

logo nuovo inter

MILANO – Il dialogo e il confronto sono spesso alla base dei progetti di sviluppo, sicuramente sono un elemento fondamentale per l’andamento positivo delle attività di Inter Campus. Di seguito riportiamo la nota relativa alla collaborazione con Catalyst Foundation da parte della società nerazzurra.

Se in questo ultimo anno e mezzo abbiamo imparato a comunicare a distanza in via digitale, niente può sostituire gli incontri di persona e, specialmente per i bambini, il conoscersi e socializzare direttamente sul campo di allenamento. Il supporto che la preziosa collaborazione avviata da poco più di un mese con Catalyst Foundation per il progetto in Tunisia, sarà soprattutto in questa direzione, ossia aumentare la capacità di confronto e di incontro da parte dello staff locale e di tutti i bambini e le bambine coinvolti nel progetto. Grazie alla fondazione americana, che per quest’anno e quello successivo sosterrà il progetto nordafricano, sarà infatti possibile incrementare notevolmente le occasioni di incontro dei bambini del progetto, appartenenti a cinque nuclei diversi, alcuni anche distanti tra loro, tramite nuovi strumenti tecnologici.

Una distanza che verrà quindi ridotta, permettendo in questo modo frequenti ed importanti momenti di incontro formativi. Non solo: come per Inter Campus Israele e Palestina, il quale egualmente beneficerà del supporto di Catalyst Foundation, nell’ambito del progetto sarà implementata una ricerca finalizzata a monitorare l’impatto del progetto sui cento bambini coinvolti. A Tunisi la partnership con l’ONG italiana WeWorld, specializzata alla tutela dei diritti dei bambini e delle donne, ha lo scopo di favorire e promuovere l’inserimento sociale e l’inclusione, usufruendo degli spazi sicuri di cinque Maison des Junes situate nella periferia della capitale, tradizionali strutture tunisine, spesso uniche alternative alla vita familiare e scolastica per i più giovani.

Articoli correlati