Inter, Mancini: “Torino ostacolo duro, crediamo nel terzo posto”

290

Le parole del tecnico nerazzurro in vista della gara contro il Torino decisiva per le ambizioni da terzo posto dell’Inter distante 5 punti

MILANO – Dopo il pareggio con la Roma e la sosta, l’Inter si riprende la caccia alla zona Champions ripartendo dal Torino. Ecco le dichiarazioni di Roberto Mancini in vista della gara contro i granata al “Meazza”.

LE PAROLE DI MANCINI

La squadra è maturata?
“Sicuramente aver vinto e fatto delle buone prestazioni ci ha aiutato molto. Senza sosta sarebbe stato meglio, ma ora si va fino alla fine. Non abbiamo molta scelta, dobbiamo fare quello che abbiamo fatto nelle ultime settimane”
Ottimismo

“Ci sono tante partite a disposizione. La Roma è a cinque punti, ma prima eravamo a 5 punti dalla Fiorentina e abbiamo recuperato. Non abbiamo scelte, dobbiamo vincerne molte”

Giocare dopo il derby di Roma
“Speriamo che la Roma perda punti. Mancano otto partite e se riusciremo a vincerne molto, riusciremo a fare molto bene”

Le difficoltà di Eder

“Io non so se perderà ‘Europeo. Posso dire che è un giocatore molto bravo, che sa giocare a calcio. Ha i movimenti, gioca con la squadra. Lavora molto e ha avuto un po’ di sfortuna all’Inter perché è arrivato in un momento difficile. Gli è solo mancato il gol. Li ha sempre fatti e ne farà. Spero in lui in questo finale di campionato”

FPF
“Non so se dovremo vendere dei giocatori importanti. Per ripianare tutto, serve tempo. Noi però siamo l’Inter e dovremo cercare di migliorare la squadra ogni anno. Vedremo cosa si può fare”

Striscia di risultati positivi, poi negativi
“Bisogna vedere cosa si intende per striscia. Noi quest’anno abbiamo fatto 18 risultati utili, poi abbiamo avuto dei problemi, anche se abbiamo perso gare che nonmeritavamo di perdere. Abbiamo otto partite e speriamo di recuperare quei punti persi in un mese di blackout”

Cosa è cambiato nell’ultimo mese?
“Tutte le squadre hanno momenti delicati. Il salto di qualità c’è stato quando siamo riusciti a segnare qualche gol in più e chiudere le partite. Era normale che tornassimo a fare bene, siamo una buona squadra. Speriamo di continuare così fino alla fine”

Ostacolo Toro
“E’ sempre difficile affrontare il Torino. Non è mai una gara banale o facile. Riesce a mettere in difficoltà tutti, anche se arriva da risutlati non belli. Ha giocatori importanti”

La difesa
“A Roma ha fatto bene per 70 minuti, poi siamo arretrati e siamo andati in difficioltà. Se riuscissimo a tornare a difendere come all’inizio del campionato, sarebbe perfetto”

Il calendario
“Mi sembra che 4-5 partite siano le stesse. Non credo che questo sia molto importante, non avendo molte scelte e dovendole vincere quasi tutte”

L’incontro con Thohir
“La nostra concentrazione ora è sulle partite che restano, poi vedremo cosa potremo fare e gli obiettivi futuri per migliorare la squadra”

Ventura ct
“Ha abbastanza esperienza per fare qualsiasi cosa. E’ una persona per bene e lo vedrei bene alla guida della Nazionale”

Eder prima punta?
“Non credo sia un giocatore da 25 gol a stagione. Lavora molto e arriva sottoporta un po’ appannato. Può fare 12/15 gol a stagione. E’ arrivato quando eravamo in difficoltà e per ambientarsi in questa squadra ci vuole tempo. Ma non ho niente da dire su come ha giocato finora. Se avesse segnato, sarebbe stato perfetto. Ma questo non cambia il nostro giudizio su di lui”

Rimonta
“Bisogna pensare sempre di potercela fare, anche quando sembra difficile. Finché ci sono punti a disposizione, dobbiamo crederci. Basta che chi sta davanti sbagli due partite e cambia tutto. La Roma viene da tante vittorie e magari qualche sconfitta la può fare… Speriamo”

Palacio
“Credo che Rodrigo ci sia mancato molto a Roma. Se avessimo avuto degli attaccanti avremmo anche vinto. Quando c’era da chiuderla, abbiamo avuto poca incisività. Palacio ha esperienza e si muove benissimo. Può essere decisivo nelle ultime otto partite”

Gol presi negli ultimi minuti
“Il problema è quello di non chiudere le partite prima. Se va tutto bene, si può vincere 1-0 come all’inizio del campionato, ma poi può capitare di prendere sempre un gol. Le grandi squadre non sono tante. La Roma ha pareggiato i conti nel finale, ma ha grandi giocatori”

Ibra obiettivo di mercato?
“Io non sono così convinto che lascerà il Psg. Non ho letto che lui abbia mai detto che parte. Sta facendo benissimo e non so se il club lo lascerà andare. Zlatan il profilo giusto per noi? E’ il profilo giusto per tutte le squadre”

Yaya Tourè o Ibra?
“Non credo che Thohir mi chieda di scegliere tra loro due…”