Juventus-Monaco, la parola ai protagonisti

360

TORINO – Al termine della semifinale di ritorno di Champions League vinta contro il Monaco, i protagonisti della Juventus hanno commentato la gara e il momento magico che il gruppo sta attraversando.

Massimiliano Allegri, tecnico bianconero, ha voluto innanzitutto complimentarsi, oltrechè con la società, con la squadra che si trova ora a un passo da vincere tutto. Scudetto, Champions e Coppa Italia. Ai suoi ragazzi ha chiesto concentrazione: é giusto festeggiare, ma da oggi testa rivolta al finale di stagione. Per non vanificare quanto di buono é stato fatto finora

Leonardo Bonucci ha voluto sottolineare come la Juve in questi due anni abbia fatto un percorso che l’ha trasformata da sorpresa a certezza. Un percorso mentale, psicologico. Anche con il Monaco l’approccio alla gara é stato quello di concedere poco all’avversario e colpirlo sfruttando gli errori.

Ora, secondo il difensore, sarà necessario fare un passo alla volta: chiudere il discorso scudetto, vincere la Coppa Italia eppoi pensare alla finale di Cardiff. Bonucci ha dichiarato di non avere alcuna preferenza sulla prossima avversaria, Real o Atletico Madrid. Questo perché nella gara secca é importante mettere in campo il massimo e andare anche oltre, a prescindere da chi si ha di fronte. Tutto dipenderà, pertanto, solo ed esclusivamente dalla Juventus.

Dani Alves, autore del secondo gol, ha parlato di un momento speciale per tutta la Juventus. E ricordato che per ora, però, si é solo seminato ma non si é raccolto ancora nulla. Per concretizzare quanto di buono é stato fatto fino a oggi, sarà necessario alzare al cielo la Champions. Come Bonucci si é detto indifferente su chi sarà la squadra avversaria. Di certo non si potrà parlare di Clasico, perché la gara sarà Juventus (e non Dani Alves) contro Real o Atletico

La gioia sui social

Da Cuadrado (“Un giorno l’ho sognato, oggi é la realtà) a Rincon (“Cardiff stiamo arrivando”). Da Dybala (“Fino alla fine”) a Chiellini (“Questa é la nostra storia”). E ancora a Buffon (“Saremo ricordati per le nostre azioni. Per la capacità di trasformare l’impossibile in realtà”). Tutti i giocatori hanno postato su Twitter la propria soddisfazione e le proprie emozioni.