Lazio-Zulte Waegem, le parole di Inzaghi nel pre partita

284

Vigilia di Europa League per la Lazio che vuole rimanere il più in alto possibile. Out De Vrij. Inzaghi “Voglia di vincere e determinazione”

ROMA – In casa Lazio è vigilia di Europa League. La squadra di patron Lotito sarà impegnata, domani, nella seconda giornata del gruppo K contro lo Zulte Waregem, formazione belga. Simone Inzaghi si è presentato in conferenza stampa ed ha toccato varie argomentazioni.

Su come arriva la squadra dopo Verona all’impegno Europeo il tecnico ha dichiarato: “Ieri sembrava tutto ok dopo Verona. I ragazzi avevano recuperato bene, in difesa giocheranno gli stessi di Verona, mi hanno dato garanzie, hanno fatto un’ottima gara. Dovremo fare una partita intensa, senza sottovalutare l’avversario. De Vrij puntiamo a recuperarlo per domenica, ha buone sensazioni, ma non farà parte dei convocati. Milinkovic ieri a parte, le sensazoni sono buone, se starà bene sarà convocato”.

Sul rischio di sottovalutare l’impegno il mister si è cosi espresso: “Ho già parlato con i ragazzi, lo Zulte è una squadra che, se non presa con la giusta concentrazione, potrebbe crearci dei problemi”.

Sulla voglia di stupire, cosi Inzaghi: “Stanno giocando tutti, prima di Verona ero tranquillo, avevo buone sensazioni. Sapevo che chi aveva giocato meno mi avrebbe dato garanzie. A Verona noi abbiamo fatto diventare la partita semplice per l’approccio avuto. Abbiamo vinto meritatamente”.

Sull’impiego di Luis Alberto: “Vedremo in rifinitura, deciderò domattina se giocherà dall’inizio o meno”.

Sulla assenza del pubblico il tecnico ha detto: “Ho già avvertito i ragazzi che sarà strano, sono cose che non dovrebbero capitare, sicuramente domani sera il tifo ci avrebbe potuto aiutare”.

Su Nani ha detto: “Nani? Manca ancora l’allenamento di questa sera, domani mattina faremo qualcos’altro. Dobbiamo valutare il recupero di tutti i giocatori. Verona è stata una partita dispendiosa. Nani ha lavorato bene ieri, se non ci saranno problemi sicuramente sarà convocato”.

A cura di Paolo Baratto