Morte George Floyd, Hamilton: “Sono sopraffatto dalla rabbia”

111

Morte George Floyd, Hamilton: "Sono sopraffatto dalla rabbia"

Il sei volte campione del mondo di Formula 1, attraverso un lungo post pubblicato sui suoi canali social, ha rincarato la dose sulla cruda vicenda che sta sconvolgendo gli Stati Uniti.

LONDRA – La morte di George Floyd ha scosso molti sportivi, tra cui Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes è sceso subito in campo attraverso una serie di appelli pubblicati suoi suoi canali social. Il sei volte campione del mondo, nella giornata di ieri, ha rincarato la dose con questo post: “L’ultima settimana è stata nerissima e non sono riuscito a trattenere le mie emozioni. Sono pieno di rabbia, tristezza e incredulità per quello che i miei occhi hanno visto. Mi sento totalmente sopraffatto dalla rabbia alla vista di un palese disprezzo per la vita della nostra gente. L’ingiustizia che stanno affrontando i nostri fratelli e sorelle in tutto il mondo ripetutamente è disgustosa e DEVE fermarsi”.

Hamilton ha, poi, aggiunto: “Molti sembrano sorpresi, ma per noi, purtroppo, tutto ciò non lo è. Per chi è nero, marrone o mulatto è così ogni giorno e non dovremmo sentirci in colpa per essere nati così, o avere paura per il colore della nostra pelle. Will Smith ha detto bene, il razzismo non sta peggiorando, è stato semplicemente documentato perché solo ora il mondo è dotato di videocamere che hanno portato alla luce questo problema in modo così grande. Solamente quando ci sono queste rivolte e grida per avere giustizia che i poteri forti possono fare qualcosa, ma in realtà è già troppo tardi e non è stato compiuto abbastanza. Ci sono volute centinaia di migliaia di proteste e costruzioni date alle fiamme prima che avvenisse una reazione da parte delle autorità con l’arresto di Derek Chauvin per il suo omicidio, il che è triste. Purtroppo l’America non è l’unico posto dove c’è razzismo e come esseri umani continuiamo a fallire quando non possiamo difendere ciò che è giusto. Per favore, non restate a sedere in silenzio, indipendentemente dal colore della vostra pelle. Black Lives Matter”.

Articoli correlati