Napoli, prima conferenza stagionale per Luciano Spalletti

39

napoli calcio

“Per lo scudetto abbiamo grandissimi rivali e ce la metteremo tutta per poterli contrastare. In Champions cercheremo di poter competere”

DIMARO – Prima conferenza stagionale di Luciano Spalletti nel ritiro di Dimaro Folgarida. Il tecnico del Napoli ha detto che aver ottenuto un posto in Champions League é stato un traguardo straordinario:  “L’anno scorso abbiamo lavorato molto per andare ad ascoltare la melodia della Champions. Il pensiero di giocarla mi dà un sorriso ogni mattina”. A chi gli ha chiesto di fare previsioni sulla stagione appena iniziata ha risposto che “Se ci saranno calciatori di un certo livello e che dimostreranno personalità, potremo dire la nostra. Noi, soprattutto in Europa, apparteniamo a una fascia diversa da quelle delle big e quindi dovremo cercare qualcosa in più anche nel gioco per poter competere. Per lo scudetto abbiamo grandissimi rivali e ce la metteremo tutta per poterli contrastare”.

Quanto alla preparazione ha aggiunto: “Noi dobbiamo allenarci forte per partire forte. Dovremo fare una preparazione mirata alle prime 15 partite perchè poi ci sarà la sosta e bisognerà fare i richiami. Abbiamo un preparatore atletico eccezionale, che è Sinatti, e siamo convinti di poter portare la squadra al top sin dall’avvio”

Spalletti pensa che i due nuovi arrivati, Kvaratskhelia e Olivera, siano calciatori di qualità su cui fare affidamento. “Per ora si stanno allenando con tabelle personalizzate per farli poi inserire gradualmente al massimo. Conosciamo il valore di entrambi e siamo felici di averli con noi”.

Ha definito Meretun portiere giovane e affidabilissimo. Non so chi abbia detto che non è bravo coi piedi. Alex è un portiere completo, nel giro della Nazionale, si allena continuamente per migliorarsi ed ha qualità assolute. Su Ospina posso dire che avremmo voluti tenerlo con noi ma nella carriera si fanno delle scelte che vanno rispettate”.

Si augura che Koulibaly non parta “però ci sarà da valutare anche le offerte e bilanciare le cifre coi bilanci. Nel calcio moderno i fattori da considerare sono tanti“. Infine il tecnico azzurro ha parlato di Osimhen: “Victor ha qualità immense, uno strappo incredibile nello scatto e una corsa profonda. Deve crescere sui tempi di gioco e sui movimenti. E dobbiamo sfruttarlo noi di più sui colpi di testa perchè è una sua grandissima potenzialità”.