Tim Cup, Juventus-Fiorentina 1-2: ai viola il match d’andata

221

logo Tim CupTORINO – Fantastici. Meravigliosi. Straordinari. Potremmo andare avanti per ore, aprendo il vocabolario e sfruttando tutti i sinonimi possibili. E sarebbero tutti meritati per questa Fiorentina, che anche allo Juve Stadium tira fuori una prestazione maiuscola. Anche. Perchè l’impresa – purtroppo solo parziale – compiuta in casa della formazione bianconera, è l’ennesima di una serie di partite, vedi la Roma in Coppa Italia, il Tottenham in Europa League, l’Inter in campionato. É vero che per i bilanci definitivi è ancora troppo presto, ma questa Fiorentina già oggi merita applausi e applausi e ancora applausi. Una grande, grandissima, squadra, che vince e per lunghi tratti dà lezione di calcio alla dominatrice del campionato italiano.

E pensare che mancavano tanti giocatori cardine, da Pizarro a Savic fino a Borja Valero, senza contare i giocatori in campo ma non al meglio. E poi Salah, un extraterrestre vestito di viola, per quanto visto fino ad oggi un fenomeno assoluto. Il suo primo gol di stasera farà il giro del mondo, una rete fuori dal comune. Con uno così, con un gioco così, con una personalità così, Firenze può sognare. Deve farlo. La Fiorentina più bella da tanti anni a questa parte, una Fiorentina adesso anche matura che sa gestire e sa soffrire. Al ritorno sarà un’altra battaglia, ma i viola partono da un vantaggio significativo. Quello costruito in questa ennesima serata magica. Che fa sognare i cuori viola.

[Simone Bargellini – Fonte: www.violanews.com]

Articoli correlati