Bologna, Kone: “Dobbiamo sempre giocarcela fino alla fine, non dobbiamo sottovalutare il Pescara”

In pochi ci credevano veramente, in tanti hanno gioito dopo. Il Bologna di Pioli batte la Roma di Zeman 2-3, segnando la tripletta esclusivamente nel secondo tempo dopo una prima parte di gara a tratti disastrosa. Questo è il calcio, questo è il bello del calcio. Lo sanno i protagonisti della gara, lo sanno i 200 tifosi accorsi a salutare i ragazzi in stazione come fossero “Eroi”. Ed eroi lo sono stati, considerando come si era messa la gara, soprattutto gli autori delle reti: Gilardino e Diamanti. E’ di Kone però l’assist per il primo gol di Gila in maglia rossoblu che ha rimesso in gara il Bologna. Il greco, oggi in conferenza stampa, ha parlato delle sue emozioni post vittoria: “Le partite finiscono al 95esimo, come l’anno scorso abbiamo dimostrato che siamo una squadra che non molla. Dobbiamo sempre giocare fino alla fine perché siamo un gruppo con grande spirito” – ha affermato il numero 33 del Bologna – “Crediamo in noi stessi e nel lavoro dell’allenatore: è stato un risultato molto importante per noi”.

Qual è stata la chiave vincente, ciò che ha cambiato l’atteggiamento in campo?: “Secondo me è stato bello che il mister sia entrato in spogliatoio sereno e tranquillo, ci ha detto tre/quattro cose importanti senza tensione. Noi le abbiamo eseguite ed abbiamo vinto”. Ora si riparte e la prossima gara è allo Stadio Dall’Ara, contro il Pescara: “Da oggi si riprende a lavorare: è importante continuare così e fare il meglio possibile. Non dobbiamo sottovalutare il Pescara, è una squadra che merita la Serie A: ha giocatori bravi e viene qui per ottenere il primo risultato positivo. Vi ricordate il Cesena l’anno scorso? È arrivato qui e ha segnato l’1 a 0 all’87esimo. Dobbiamo impedirglielo: essere preparati al 100% e dare il massimo, con due vittorie di fila siamo sulla buona strada per fare bene”.

[Greta De Cupertinis – Fonte: www.zerocinquantuno.it]