Chievo Verona-Udinese 0-0: Handanovic ferma Thereau

220

VERONA – Prima di ricominciare la corsa all’Europa c’è spazio per il giusto riconoscimento alla memoria di Piermario Morosini al Bentegodi di Verona. L’Udinese scende in campo con una maglia che ricorda la scomparsa dell’ex centrocampista bianconero e, tra gli applausi commossi del pubblico clivense, le due squadre si abbracciano a centrocampo per il toccante minuto di silenzio. Quando la gara comincia i ragazzi di Guidolin sono ancora scossi; li sveglia una bomba di Bradley che si stampa alla sinistra di Handanovic. Al 12’ minuto per poco Dainelli non si rende autore del più clamoroso degli autogol con un avventato retropassaggio a Sorrentino. La coppia Barreto-Di Natale, riproposta per la seconda volta dal tecnico di Castelfranco Veneto, con il brasiliano chiamato a fare il trequartista atipico alle spalle del numero 10, funziona bene. I due protagonisti del reparto avanzato friulano si cercano spesso mandando in confusione la retroguardia gialloblù, affannata contro due giocatori brevilinei e sguscianti.

Al 20’ un meraviglioso colpo di tacco di Cruzado per l’accorrente Bradley libera l’americano al tiro in area. Il centrocampista a stelle e striscie protesta invano per un fallo di mano. I ritmi si abbassano con le due squadre poco impegnate nel movimento senza palla. Prima della mezzora l’Udinese si fa vedere con un’azione concitata nell’area di casa, ma viene fermata da un fallo fischiato ad Armero. Il Chievo prova a sfruttare le palle inattive avanzando le torri su diversi corner. Le occasioni, però, non arrivano fino al 36’ minuto quando Handanovic si oppone con un doppio intervento da campione prima sul destro Bradley e poi sul diagonale di Cruzado. Coda chiama il cambio per un problema muscolare e, al suo posto, Guidolin inserisce Ekstrand. Lo spartito non cambia di una virgola e il Chievo buca la difesa bianconera con un inserimento di Thereau, abbattuto da Handanovic in uscita bassa. Peruzzo indica il dischetto, ma non c’è problema per lo specialista degli undici metri, che vola nell’angolino basso alla sua destra a bloccare il penalty calciato dallo stesso giocatore francese.

La ripresa comincia con un generoso assist smarcante di Paloschi all’indirizzo di Cruzado. Il trequartista peruviano cilecca malamente la conclusione graziando Handanovic. A seguire Di Natale viene fermato in campo aperto da una bandierina alzata che in realtà segnala un fuorigioco inesistente. Guidolin allora prova a cambiare marcia chiedendo a Floro Flores maggior vivacità di quella offerta da Barreto. L’occasione più ghiotta per l’Udinese capita sul destro di Di Natale al 20’: il capitano sfrutta un rimpallo per liberarsi di Dainelli, salta Acerbi e conclude malamente fuori, una volta arrivato davanti a Sorrentino. Il duello tra i due capitani continua al 24’ quando Di Natale inquadra la porta clivense sul perfetto lancio lungo di Pazienza. La risposta del numero uno dei veneti è strepitosa e inchoda il risultato sullo 0-0. Le ultime scarucce tattiche vedono Guidolin inserire Abdi al posto di un ottimo Basta e Di Carlo giocarsi le carte Cesar e Gandolfo. I quattro minuti di recupero concessi da Peruzzo non cambiano il destino della partita anche se l’ultimo sinistro al volo di Di Natale fa correre più di un brivido lungo la schiena dei tifosi presenti al Benetegodi. Chievo e Udinese si spartiscono la posta e muovono la classifica.

TABELLINO:

CHIEVO-VERONA 0-0

CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino; Frey, Dainelli, Acerbi, Dramé; Luciano (22’st Sammarco), Rigoni, Bradley; Cruzado (34’st Cesar); Thereau, Paloschi (42’st Gandolfo). A disposizione: Puggioni, Andreolli, Hetemaj, Vacek. Allenatore: Di Carlo.

UDINESE (3-5-1-1): Handanovic; Benatia, Danilo, Coda (40’pt Ekstrand); Basta (34’st Abdi), Fernandes, Pazienza, Asamoah, Armero; Barreto (12’st Floro Flores); Di Natale. A disposizione: Padelli, Pasquale, Pereyra, Torje. Allenatore: Guidolin.

Arbitro: Peruzzo di Schio. Assistenti: Grilli e Galloni. Quarto uomo: Irrati.

NOTE: Ammoniti: Fernandes. Recupero 1’ e 4’.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]