Duro a morire: il re si riprende il suo trono

Tennis, Master Cup: Roger Federer Campione del Mondo

Roger Federer è tornato! E lo ha fatto proprio nel Torneo dei Maestri, ovvero il Masters Cup di Londra, il Mondiale per antonomasia della racchetta, riguadagnandosi il proscenio dal quale sembrava essersi congedato.

In questo 2010, infatti, la sua verve sembrava ormai eclissata, dall’avanzare dell’età e di quel diavolo di Rafael Nadal, il nuovo che avanza e distrugge. Stavolta ad essere distrutto è stato però l’iberico, matato 6-3, 3-6 e 6-1, in poco più di un’ora e mezza, al termine di un match tecnicamente non trascendentale, in cui i nostri attori non hanno recitato propriamente la parte dettatagli dalla fama.

Per il tennista elvetico, che oggi ha rimesso le cose in chiaro su chi sia ancora il più forte, si è trattato del 5° trionfo iridato, eguagliato il record della leggenda americana rispondente al nome di Pete Sampras. L’ultimo primato che Federer non aveva ancora eguagliato. Aveva già fatto suo, fra i tanti, quello del totale di prove del Grande Slam, ben 16, di cui 6 a Wimbledon! L’ultima affermazione di lusso era stata all’Australian Open, dopodiché la sua stella si era nascosta fra le nubi della concorrenza, fattasi sempre più spietata, a partire proprio da Nadal, che si sarebbe guadagnato il 1° del ranking, strappandolo al mitico svizzero.

Stasera però Roger ha deciso di riprendere le chiavi della storia, riaprendo la porta della gloria eterna. Il Re è duro a morire (in fondo ha soli 29 anni!), anzi, prima di abdicare è proprio deciso a lasciare una scia di sangue dietro di sé. Gli avversari sono avvisati: il 2011 potrebbe ancora vederlo in testa ai vari plotoni di esecuzione….