Fiorentina-Cagliari: la voce dei protagonisti

Sinisa Mihajlovic: “Sapevamo che il Cagliari era una squadra organizzata in avanti e con tanti giocatori bravi, poi noi avevamo una difesa rimaneggiata e quindi ci stava una distrazione. Abbiamo fatto bene, un gol, due annullati e tante occasioni, ma soprattutto abbiamo fatto tre punti. Mutu centravanti? Ero indeciso fino all’ultimo, giocando in casa la sua esperienza poteva essere utile a risolvere la partita. Ha tenuto bene la palla ed è riuscito a scambiarsi bene il pallone con Ljajic, una bella prova che gli darà morale. A me piace vincere così, con un gol e tanta sofferenza, è bello vedere una squadra che crede tanto nel risultato, con tanta grinta e corsa, sarebbe però importante sfruttare meglio le occasioni.

E’ una squadra “alla Mihajlovic”. Mutu non l’abbiamo mai abbandonato, ha sempre sentito il nostro calore attorno. I giovani? Se uno è bravo lo metto dentro, è una mia mentalità ma è molto comunque in Serbia, lì non ci sono i soldi per comprare giocatori già fatti, quindi si punta sul settore giovanile. La Primavera vince sempre, è sono contento di questo, se c’è l’occasione sono contento di far giocare un giovane. Anche oggi con Piccini ho pensato di mettere Donadel a destra, ma ho preferito lui anche se rischiavo di prendermi le critiche. Camporese per come sta giocando è da titolare, poi magari avrà alti e bassi per la sua età, ma fino ad ora è sempre stato uno dei migliori”.

Sandro Mencucci: “Dopo Camporese, abbiamo visto Piccini, un altro ’92 che ha fatto bene. E’ la Fiorentina che tutti vogliamo, Firenze è votata per i giovani e dobbiamo lavorare su questo aspetto. Faccio questo elogio al lavoro sui giovani il giorno dopo aver sentito parole infamanti da persone (il padre di Masi, ndr) contro cui ci tuteleremo per vie legali, contro di loro e conto i loro ‘mandanti’, questa è la parola giusta. Voglio poi esaltare Boruc che ringrazio per aver salvato la partita in quell’azione in cui tutto lo stadio stava esultando per un gol di Donadel che a mio avviso non doveva essere annullato, mi immagino cosa sarebbe successo se il Cagliari avesse segnato in quella situazione. L’arbitro avrebbe dovuto rendersi conto della situazione e fermare l’azione, così come a Torino avrebbe dovuto interrompere la partita dopo le bombe carta ai nostri tifosi. Per questo ringrazio Boruc che ha salvato… anche l’arbitro”.

Sullo sciopero: “Mi sembra una situazione grottesca arrivare a parlare di sciopero per una differenza di vedute su due punti su otto. C’è la volontà di tutti di trovarsi d’accordo e sono quasi certo che lo sciopero non verrà indetto ma in ogni caso mi auguro che la cosa sia risolta prima della fine della settimana perchè sarebbe assurdo decidere a poche ore dalle partite”.Alessandro Gamberini: “Abbiamo giovani di grande qualità, De Silvestri è ormai un giocatore affermato e Camporese ha i numeri per fare bene. Ha qualità, personalità, tecnica, tutte le carte in regola per diventare un grande giocatore. Confermarsi è difficile e invece lui per la terza gara di fila ha fatto bene. Questa era una partita decisiva, servivano i 3 punti e siamo riusciti ad ottenerli”.

Adrian Mutu: “Ringrazio i tifosi per avermi sostenuto durante e dopo la squalifica. E’ il giorno più bello del mio 2010, uno dei pochi felici, fortuna che ora finisce. Col Cagliari è stata dura, si sapeva che non era semplice, ma le vittorie così sudate sono più belle. Gilardino? Quando tornarà si riprenderà il suo posto, lui è il migliore. Spero di essere il nuovo acquisto di gennaio. Sono contento per il gol e la vittoria, questi 3 punti sono importantissimi per noi. Psicologicamente sto abbastanza bene, sono uno che reagisce alle difficoltà. I miei problemi? Oltre che un calciatore sono anche un uomo, ho commesso degli errori. La Fiorentina deve ripartire dopo un inizio di campionato molto difficile, non ci aspettavamo tanti problemi, eravamo abituati a stare in alto in classifica e giocare in Europa. L’abbraccio con Mihajlovic? E’ stato fondamentale per me, mi è stato vicino e mi ha difeso pubblicamente come pochi altri avrebbero fatto. E’ stato grande e volevo ringraziarlo”.

Roberto Donadoni: “Per quello che si è visto in campo sarebbe stato più giusto un pareggio, abbiamo avuto una reazione importante, ma se non si segna… Metterei la firma per avere tante occasioni in una trasferta così difficile. Abbiamo provato a reinventare la difesa combiano un po’ di ruoli ed ha funzionato. Mutu è un giocatore di classe che sa fare la differenza, per il resto però l’abbiamo contenuto bene. La marcatura di Donadel su Cossu non ha fatto soffrire molto il nostro fantasista, ma nel primo tempo abbiamo cercato troppo le vie centrali, nel secondo attaccando sulle fascie siamo stati più pericolosi”.

Alessandro Matri: “Noi ci abbia mo creduto fin dall’inizio, poi nell’episodio del gol di Donadel ho visto il fuorigioco e sono ripartito subito infatti stavo per fare gol, ho visto tutta la Fiorentina ferma o ad esultare. Comunque la partita è stata alla pari, potevamo fare il pareggio abbiamo avuto tante occasioni. La prestazione è positiva ed anche i risultati delle altre, ma noi guardiamo a noi stessi e dobbiamo continuare così. Il mercato? io penso al Cagliari e per ora ho la testa solo lì”

Radja Nainggolan: “Nel primo tempi stavamo facendo bene anche se non riuscivamo a concludere, poi nel secondo il vantaggio ci ha spiazzati, ma abbiamo avuto una ottima reazione e alla fine meritavamo di più. Sul gol di Donadel, non mi ero neanche accorto che Matri era partito in azione, non ho visto bene. La Fiorentina comunque non ha avuto grandi occasioni, meritavamo il pareggio per come sono andate le cose, a parte il gol i viola non hanno più tirato in porta”.

Nenè: “Il primo tempo abbiamo fatto bene, poi nel secondo il gol subito all’inizio ci ha tagliato le gambe. Noi siamo stati bravissimi, lavoriamo così in allenamento e arriveremo lontano. Mutu è un grande giocatore, cambia da solo le partite”.

Lorenzo Ariaudo: “Ci meritavamo il pari, abbbiamo fatto benissimo, creiamo poco ma stasera più delle altre partite. La Fiorentina ha grandi individualità come Mutu e cambiano la partita, certamente la classifica non riscpecchia il valore dei viola. Mutu è un grande giocatore, dove è andato ha fatto bene e ciò vuol dire essere determinante. In occasione del gol di Donadel abbiamo visto Matri involarsi verso la porta, quindi ci abbiamo creduto e potevamo fare un gol importante, peccato”.

Simon Laner: “Abbiamo giocato molto bene per soli 45 minuti e non è bastato. la nostra è stata una grande prestazione, siamo stati battuti da episodi. Dobbiamo rialzare la testa e continuare così. Vargas e Pasqual sono pericolosi ma noi oggi li abbiamo contenuti bene. A Firenze ci sta di perdere, ma noi abbiamo comunque giocato un buon calcio. La Fiorentina è un’ottima squadra nonostante le assenze gioca benissimo, poi Mutu è un grande giocatore e risolve le partite sfruttando ogni opportunità”.