Fiorentina-Paok 2-3, il tabellino

Fiorentina-Paok risultato e tabellino della partita

RISULTATO FINALE: FIORENTINA-PAOK (2-3 )

TABELLINO

FIORENTINA (4-2-3-1): Lezzerini; Tomovic, Astori, Gonzalo, Milic (51′ Chiesa); Badelj, Vecino; Cristoforo (66′ Sanchez), Bernardeschi, Tello (83′ Ilicic); Babacar. A disposizione: Tatarusanu, Sanchez, Zarate, Kalinic, Salcedo, Ilicic, Chiesa. Allenatore: Sousa.

PAOK SALONICCO: Brkic, De Matos, Leovac, Djalma (71′ Pelkas) Braune, Crespo, Cimirot, Koulouris (61′ Thiam), Mendes, Shakov (83′ Mystakidis), Varela, Canas. A disposizione: Glykos, Mame, Malezas, Biseswar, Mystakidis, Kitsiou, Pelkas. Allenatore: Ivic.

 

Arbitro: Stephan Klossner

Reti: 5′ Shakov, 26′ Djalma, 33′ Bernardeschi, 50′ Babacar, 92′ Rodrigues

Ammonizioni: Pelkas, Leovac, Crespo

Recupero: 2′, 3′

Fiorentina-Paok la presentazione

Fiorentina-Paok, le probabili formazioni
Fiorentina-Paok risultato e tabellino della partita

FIRENZE – La Fiorentina affronta al Franchi nella serata di giovedì la formazione greca del Paok con l’obiettivo minimo di conquistare un punto che le consentirebbe di qualificarsi matematicamente al turno successivo, ma che con una vittoria la metterebbe praticamente al sicuro circa la prima posizione nel girone con un turno di anticipo.

I viola si presentano a questa partita col pensiero comunque rivolto alla sfida di campionato che li opporrà all’Inter domenica sera e non sono escluse sorprese nella formazione che si opporrà ai greci per garantire riposo ad alcuni elementi.

QUI FIRENZE

L’ambiente viola è alquanto rasserenato dopo la vittoria ottenuta nel derby toscano, contro l’Empoli, nello scorso turno di campionato. La posizione in classifica nel girone di Europa League consente al tecnico il turn-over ed infatti resaranno in panchina con ogni probabilità sia Kalinic che Bernardeschi, lasciando spazio a Babacar e Chiesa. Anche Tello potrebbe essere tenuto prudentemente a riposo, per essere utilizzato al 100% delle condizioni contro i nerazzurri a Milano. La squadra si disporrà con una formazione predisposta all’attacco ma anche attenta alle ripartenze avversarie.

QUI SALONICCO

Il Paok può ancora sperare nella qualificazione al turno successivo e baderà soprattutto a limitare i danni cercando di tenere la partita aperta sino alla fine per eventualmente colpire nel finale grazie alla velocità del tridente offensivo, costruito appositamente per dar fastidio ai viola con un’azione a stantuffo. Un punto potrebbe però non bastare ai greci se il Qarabag dovesse battere il Liberec, per cui la compagine è studiata in modo da trasformarsi in offensiva, spingendo da centrocampo con F. Pereyra.