Fiorentina, Sottil: “Buona annata per me e per il club”

151

Fiorentina

Le parole del giovane attaccante della Fiorentina nel corso di una lunga intervista rilasciata alla trasmissione Stadio Aperto, su TMW Radio.

FIRENZE – Riccardo Sottil, giovane attaccante della Fiorentina, ha rilasciato una lunga intervista alla trasmissione Stadio Aperto, su TMW Radio. Queste le sue parole a cominciare dalla situazione attuale e dalle sue giornate tipo: “Questo momento è brutto per il mondo e per la nostra nazione, tra le più colpite da questo virus. Trascorro le giornate con la mia famiglia, perché da gennaio sono venuti a Firenze per stare con me. Per fortuna non sono solo, questi giorni in casa mi sono serviti a riscoprire cose come i veri valori, il significato della vita, passare il tempo con i cari, con chi ami veramente, parlando di tante cose che riscopri. Per il resto mi alleno, guardo serie TV su Netflix, ascolto tanta musica e gioco alla Playstation. Non ho un programma preciso nella mia giornata: ciò che faccio sempre è allenarmi sempre quando mi sveglio, inizio per le 11-11.30. Finisco verso pranzo, poi ancora allenamento prima di fare le cose che si fanno in casa… La sera, oltre ai film, guardo qualche programma interessante”.

Dalla quarantena al calcio, Sottil fa un bilancio della sua stagione e di quella della Fiorentina: “La mia stagione a Firenze è abbastanza positiva: ho avuto un grande inizio tra tournée e campionato. All’inizio c’era un modulo (4-3-3, ndr) dove potevo esprimermi al massimo. Sono un esterno d’attacco, è il mio habitat naturale. Poi però dopo la 2^ giornata, per varie scelte, il mister ha cambiato modulo e un po’ sono stato penalizzato, trovando meno spazio. Il club? desso sta facendo una buona stagione. So che la Fiorentina è vista come squadra che deve puntare all’Europa, ed è giusto perché come blasone e storia deve ricoprire quelle posizioni di classifica. Però ogni anno non puoi sempre centrare gli obiettivi che ti dai, a livello di squadra. Ci sono annate dove ti tieni sotto le aspettative, e succede a molte squadre. Alla prima avevamo fatto una grande partenza col Napoli, avevamo dato spettacolo, c’era energia. Abbiamo avuto alti e bassi, ma ultimamente ci stavamo riprendendo”.

Infine una battuta sull’eventuale ripresa del campionato: “La prima cosa in questo momento è la salute. Poi, se ci sarà disponibilità sanitaria per tornare in campo saremo ben felici di farlo”.

Articoli correlati