Genoa, Roberto Renga: “Ottime le scelte tattiche di De Canio”

Il Genoa visto all’Olimpico ha sorpreso anche un attento ed esperto cronista come Roberto Renga. L’ex inviato dello sport di Paese Sera e de Il Messaggero e ora apprezzato opinionista su Radio Radio, è “il giornalista della settimana” di Pianetagenoa1893.net e ci racconta le sue impressioni sul Grifone.

Dopo averlo visto in azione all’Olimpico che opinione si è fatto sul Genoa?
Tradizionalmente, il Genoa è più portato al gioco d’attacco e rende meglio in casa, sfruttando uno stadio ideale per raccogliere e trasmettere gli umori della tifoseria. A Roma mi è parso ben organizzato anche in fase difensiva. Una sorpresa, in effetti.

Cosa ne pensa degli schemi adottati da De Canio?
De Canio è un ottimo allenatore. A Roma ho notato più interventi tesi a reprimere che a offendere, ma ci sta, vista la forza della Lazio. Ottima la mossa di Antonelli sulla fascia sinistra, fatta nel momento in cui gli avversari stavano affondando in quel settore. L’attacco si era visto contro la Juve. A Roma si è notata l’assenza di un trequartista vero, che sapesse servire le due punte, Bertolacci, per esempio.

Quale giocatore rossoblu l’ha colpita di più in questo avvio di stagione?
Direi Frey, che, dopo essere tornato in forma col dimagrimento, ha mostrato le qualità che aveva un tempo. I chili in più lo frenavano.

Da gran conoscitore di calcio quale lei è, quali obiettivi può porsi il Genoa quest’anno?
Dopo il campionato scorso (sofferenza sino alla fine), penso che il Genoa debba ritrovare l’affetto e la stima dei propri tifosi e si possa accontentare di una salvezza tranquilla. Ma con De Canio non si sa mai: sa dare un gioco alle squadre che allena, è uno dei pochi che sa crearlo.

[Luana Ambrico – Fonte: www.pianetagenoa1893.net]