Guidolin: “In Coppa vogliamo andare il più avanti possibile”

“In coppa Italia vogliamo andare più avanti possibile”. Parola di Francesco Guidolin che nonostante l’impegno casalingo di domenica con il Napoli e l’inevitabile necessità di far rifiatare chi, fino a questo momento, ha giocato di più assicura tutti sul fatto che l’Udinese, domani sera, con il Lecce ha tutte le intenzioni di passare il turno.

“Teniamo davvero tanto alla manifestazione nazionale – ha detto il tecnico di Castelfranco Veneto –. E domani sarà anche l’occasione per tanti di dimostrarmi, ancora una volta, tutto il loro valore. Per tanti di noi questa, tra turni infrasettimanali di campionato e impegni con le Nazionali, sarà la terza settimana di fila con tre gare ogni sette giorni e mi pare logico e razionale non pensare di affidarsi, e quindi spremere, sempre gli stessi giocatori. Sarebbe sciocco soprattutto perché, come ho sempre detto, io credo nelle qualità di tutto il mio gruppo, non soltanto di una parte”.

Non sarà, Guidolin ne è sicuro, lo stesso Lecce visto a Udine in campionato. “Senza dubbio sarà una gara diversa da quella di una decina di giorni fa – ha continuato -, ma più che ai salentini io penso alla mia squadra. In difesa abbiamo gli uomini contati, è vero, e non vorrei dover utilizzare sempre gli stessi uomini. Sicuramente ci sarà Angella, ma spero di poter utilizzare, almeno per una frazione di gara, anche Zapata. Denis? Domani ha una chance importante, ma come tutti, non dobbiamo concentrarci su un unico giocatore anche se è chiaro che mi auguro di averlo il prima possibile al 100%”.

Il trainer bianconero, infine, ha analizzato nuovamente il ko dell’Olimpico spiegando dove la sua Udinese deve ancora migliorare. “Questa è una squadra che deve lavorare e crescere ancora – ha concluso Guidolin -. Giochiamo un buon calcio, dimostrando anche una certa personalità, ma dobbiamo assolutamente diventare più concreti sotto porta. E la gara di Roma ne è una netta dimostrazione perché se è vero che per i primi 25 minuti abbiamo giocato meglio dei capitolini, è altrettanto vero che il coltello, alla fine, lo hanno affondato loro segnando alla prima, vera, occasione. In questo dobbiamo migliorare ancora, imparando dalle grandi squadre ad essere cinici e, sportivamente parlando, più cattivi e determinati”.

[Sito Ufficiale Udinese Calcio – Fonte: www.udinese.it]