Inzaghi: “Bravi a vincere una partita difficile”

357

ROMA – Dopo la sfida con l’Atalanta, Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza stampa per commentare l’incontro, espulsione inclusa.

La partita con l’Atalanta

L’allenatore biancoceleste ritiene che oggi i suoi ragazzi abbiano meritato la vittoria, siano stati bravi a vincere una partita difficile e che aveva anche preso una brutta piega. L’Atalanta é una squadra sta benissimo.

Eppure, al di là della traversa e del rigore non dato, la Lazio di oggi ha subito pochissimo. Quanto al modulo, si é passati dalla difesa a 3 a quella 5 a gara in corso, in occasione dell’entrata in campo della seconda punta atalantina. A suo modo di vedere, Non c’é uno schema fisso ma la squadra deve sempre essere duttile. Sull’espulsione Inzaghi si é limitato a parlare soltanto di un quarto uomo prevenuto sia nei suoi confronti sia verso Gasperini.

I singoli

Il tecnico ha detto di aver tolto Anderson soltanto perché gli era parso un po’affaticato. E di aver fatto giocare Djordjevic nei minuti finali perché Immobile era stanchissimo. Quindi senza alcuna strategia legata al mercato.

Il mercato

Inzaghi ha fatto capire che quello della Lazio é un mercato legato da un doppio filo. Nel caso dovesse uscire qualcuno in attacco arriverà qualcun altro al suo posto. Non ci saranno invece cambiamenti in difesa e a centrocampo.

L’immediato futuro

L’allenatore ha sottolineato come la Lazio stia facendo un grande campionato, al di sopra delle aspettative, con ben 40 punti in 20 partite. Ora arriva il difficile, perché é il momento delle conferme. Prima di tutto si dovrà pensare alla sfida di mercoledì prossimo contro il Genoa in Coppa Italia. Poi ci sarà la sfida allo “Juventus Stadium” contro la capolista.

“Abbiamo il dovere di crederci, per il momento in casa hanno battuto tutti. Ma nel calcio ci sono sempre le prime volte“, le parole di Inzaghi.