Juventus-Olympiacos: le parole di Allegri nel pre partita

376

Le dichiarazioni del tecnico bianconero, Massimiliano Allegri, nel pre-partita di Juventus-Olympiacos. “Higuain? Deciderò all’ultimo momento”

TORINO- È un Massimiliano Allegri rilassato quello che si presenta in sala stampa scortato da Andrea Barzagli. Le prime battute sono per il difensore toscano che parla della Champions e dell’esperienza maturata dalla Juve in campo europeo. Poi la parola passa a Max. La prima domanda, semmai ci potessero essere dubbi, è su Higuain. I giornalisti in sala stampa si chiedono se il Pipita sarà titolare o partirà dalla panchina come nel derby col Torino. Allegri non risponde trincerandosi dietro i dubbi di formazione. I titolari, chiosa il tecnico toscano, saranno scelti dopo la rifinitura. Ci tiene però a precisare che la panchina di Higuain nel derby fa parte della normale rotazione del reparto offensivo.

Sturaro terzino? Forse, Higuain è sereno, deve fare ciò che sa fare

Ancora una domanda sulla formazione. Nello specifico si chi occuperà il ruolo di terzino. Indiziato numero uno Stefano Sturaro. Fuori ruolo si ma che si è ben adatto ad un ruolo che è stato spesso chiamato a ricoprire negli anni juventini. L’alternativa per Allegri sarebbe dirottare Barzagli sulla fascia e concedere una maglia da titolare a Benatia. Anche qui decisione rimandata alle ore precedenti la partita. Le certezze riguardano la linea mediana che sarà ancora formata dalla coppia Matuidi-Pjanic. Il suo ha ben figurato nel derby e il centrocampista bosniaco ha trovato nel francese il compagno di reparto ideale.

Ancora una domanda su Gonzalo Higuain, argomento bollente della settimana juventina. Ad Allegri viene chiesto se la panchina ha fatto bene al Pipita. Max risponde senza troppi giri di parole che l’argentino è sereno, e che, come tutti, deve farsi trovare pronto quando viene chiamato in causa. “Fare ciò che sa fare”, le parole del tecnico toscano.

La chiusura è sull’Olympiacos che potrebbe essere sottovalutato dalla squadra bianconera. Allegri si limita a dire che un’ipotesi del genere è impensabile a questi livelli. Soprattutto contro un avversario capace di ribaltare il campo come la formazione greca. E  ancor di più, continua Allegri, quando si ha un solo risultato utile a disposizione vista la sconfitta di Barcellona.