Juventus, Paratici: “Paulo Dybala la scommessa più grande”

21

UEFA

Le parole di Fabio Paratici nella conferenza stampa a lui dedicata, in sua compagnia anche il presidente Andrea Agnelli.

TORINO – Fabio Paratici è intervenuto nella conferenza stampa a lui dedicata. Queste le parole dell’ex Amministratore Delegato della Juventus: “Speravo continuasse a parlare il presidente perché per me è un po’ più difficile. Ringrazio Andrea e la Juventus per avermi dato anche quest’ultima occasione per salutarvi e ringraziarvi, la sento come un onore. Undici anni nella vita di una persona sono tantissimi, nel calcio e nel mio lavoro un’enormità. Questa è un’epoca che ho condiviso con tante persone e a ognuna di loro dico grazie: calciatori, staff, dirigenti, dottori, autisti del pullman, logistica. Sono stati undici anni meravigliosi in un club speciale come la Juventus. Abbiamo vinto tanto ma anche perso tanto perché solo chi perde tanto può vincere tanto, ho sentito dirlo a Maldini che quando ne guardo il palmares ci metto cinque minuti. Ne sono grato, ho detto tutto quello che avevo e sono molto orgoglioso di quello che ho dato. Passare dalla Juve vuol dire diventare una persona e un professionista migliore. Andrò in altri club e spero di trovare la stessa passione e lo stesso amore che si ha qui verso quello che si fa. Devo ringraziare l’autonomia totale che ho avuto potendo osare e sperimentare sapendo di poter contare sulla fiducia di chi era al mio fianco. Ci sono state tante occasioni per poter andare via ma questo è il motivo per il quale non ho mai preso niente in considerazione. Ho avuto la fortuna di poter osservare ogni giorno tra i migliori calciatori della storia del calcio. Ho potuto condividere i miei pensieri con quello che per mio figlio sono eroi del calcio come Tevez, Chiellini, Buffon, Cristiano e allenatori da cui ho imparato molto come Delneri, Conte, Allegri, Sarri e Pirlo. La Juventus è fatta per renderti migliore e per questo sono orgoglioso, riconoscente e felice per quello che ho fatto”.

Sullo scambio Dybala-Lukaku: “No, quando fai il nostro lavoro devi considerare tutto e avere una mente molto elastica. Devi essere in grado di cambiare, ci sono dei lati che voi non potete sapere del tutto che indicano la strada per fare determinate operazioni. Dybala è un grandissimo giocatore che ha dato tantissimo alla Juventus. Io credo di essere uno dei maggiori responsabili per il fatto che lui sia qui, abbiamo investito tanto e fatto una grande scommessa. Credo sia stato l’acquisto più rischioso nella mia gestione”.

Sulla trattativa per Cristiano Ronaldo: “E’  stata una trattativa molto diretta, molto veloce. Quando hai a che fare con persone e staff di così alto livello hai a che fare con gente molto preparata. Pensandoci ci saranno stati ma dovete considerare che noi prendiamo decisioni in quel momento, poi magari la decisione viene giudicata dopo anni senza sapere magari neanche le motivazioni che ci sono dietro. Il migliore è quello che sbaglia meno, non quello che non sbaglia”.

Articoli correlati