Kaladze: “Lascio il calcio italiano con il Genoa salvo”

Giornata di addii questa domenica per il calcio italiano, ultimo nome ad aggiungersi è quello Kakhaber Kaladze. Il campione georgiano dice basta con il calcio dopo 18 anni di carriera, gran parte passata nelle file del Milan, arrivando a vincere tutto, ma vuole lasciare il Genoa nella massima serie. Davanti a lui si prospetta un grande impegno politico, per aiutare la Georgia, soggiogata da un governo non democratico. Il numero 13 rossoblù apre così la sua conferenza stampa: «Oggi per me è un giorno imortantissimo. Mi ritiro dopo 18 anni di carriera, mi dispiace moltissimo ma è arrivato il momento di far spazio ai giovani. Ringrazio il Genoa e il Milan, che mi hanno fatto sentire come a casa, tutti i tifosi e i giornalisti. Ho sempre cercato di fare il massimo per le squadre in cui ho giocato, mi porterò dentro dell’Italia un ricordo di un paese meraviglioso».

Sono stati due anni molti intensi per Kaladze in rossoblù: «Quando sono arrivato al Genoa ho trovato subito un grande feeling con i tifosi. Ringrazio il Presidente Preziosi, che con me è stato un uomo di parola dandomi piena libertà sulle scelte da prendere». Certamente un rande campione come lui non si era mai trovato in una situazione del genere all’ultima giornata di campionato:«Sinceramente non mi è capitato di essere in questa situazione. Ma domani darò l’anima per lasciare il Grifone in serie A. L’anno scorso abbiamo fatto una bella stagione dove ci siamo tolti delle soddisfazioni. Miccoli? Fabrizio è un grande campione, ma il Palermo ha una buonissima squadra, composta da ottimi giocatori. Ma noi metteremo in campo molta più voglia di loro per vincere questa partita importantissima». Kaladze in tutti questi anni si è dimostrato un grande campione sia fuori che dentro il campo, non uscendo mai fuori dagli schemi. Da dopo il match con il Palermo per lui incomincierà la partita più difficile aiutare e difendere la sua patria come ha fatto in 18 anni di carriera. Buona fortuna campione.

[Alessandro Casu – Fonte: www.pianetagenoa1893.net]