La sincerità di Duvan Zapata: “Volevo servire Quagliarella”


La sincerità di Duvan Zapata: "Volevo servire Quagliarella"

L’attaccante colombiano, autore di un gol spettacolare, ha ammesso con sincerità che nell’occasione è stato fortunato. Ora, dopo un periodo leggermente sottotono, si è detto pronto a inseguire con la sua squadra fino alla fine della stagione un obiettivo chiamato Europa League

GENOVA – Intervenuto nella mixed zone di Sampdoria-Udinese, finita 2-1 per la squadra blucerchiata, Duvan Zapata, autore del secondo gol, ha commentato la gara.

Con molta sincerità l’attaccante colombiano ha descritto come un tiro fortunoso il gol che in tanti avevano definito una prodezza. “Volevo servire Quagliarella che entrava sul secondo palo e mi è uscito fuori un tiro così. Diciamo che la fortuna che ho avuto in quel momento compensa quella che mi era mancata in altre occasioni. È stato un bel gol, anche se ne ho fatti di più belli o di più importanti. Mi fa piacere che abbia fatto vincere perché i tre punti erano molto importanti.”

Zapata oggi era un ex, ma sul campo nessun sentimentalismo. “A Udine ho vissuto due anni belli -ha dichiarato- Mi dispiace per loro però sono un professionista e volevo segnare”.

Obiettivo Europa

A chi gli ha chiesto se, dopo qualche partita è tornato, l’attaccante ha risposto di non essersene mai andato. E di essere determinato, così come il resto della squadra, a continuare su questa strada fino alla fine della stagione.”Dobbiamo cercare di vincere ogni partita per raggiungere il nostro obiettivo”. A cominciare dalla prossima in trasferta contro l’Atalanta

L’obiettivo, ovviamente, si chiama Europa League. “Fin da inizio campionato siamo lì e vogliamo continuare. Sappiamo che è difficile ma ce la possiamo fare”.