Lega Pro, il punto della situazione dopo la decima giornata

452

Serie C 2018/2019

Il punto della situazione nei tre gironi di Lega Pro dopo la decima giornata di campionato e in attesa del posticipo tra Livorno e Arezzo

In attesa del posticipo del Girone A tra Livorno ed Arezzo, la decima giornata di Lega Pro ci ha regalato, come al solito, gol ed emozioni. Regna l’equilibrio più assoluto nei gironi B e C mentre in quello A sembra non avere fine la splendida cavalcata dell’Alessandria. Di seguito il resoconto girone per girone.

GIRONE A

L’Alessandria non vuole più sapere di fermarsi e mette in cascina la terza vittoria consecutiva, la nona in dieci giornate di campionato: ad Olbia i grigi si impongono per 1-4 e aumentano il loro vantaggio dalla seconda in classifica che ora è la Cremonese. Eh si, perchè i Lombardi battono 0-1 il Tuttocuoio ed approfittano dell’inaspettata sconfitta della Viterbese contro il Pro Piacenza (2-1). Proprio i Laziali vengono raggiunti a quota 19 dal Piacenza vittorioso a Siena dopo un match ricco di gol ed emozioni (2-3). Il Como, dopo il pareggio con la Pistoiese (1-1) rimane solo a 18 punti mentre il Renate batte 3-0 il Pontedera e aggancia momentaneamente l’Arezzo impegnato stasera nel derby contro il Livorno. Torna a rilanciarsi anche la Lucchese che, tra le mura amiche, batte il Prato per 3-0. Vittoria preziosissima anche per la Carrarese che espugna il campo della Racing Roma per 0-1. Termina 0-0 Lupa Roma-Giana Erminio.

GIRONE B

Il girone B di Lega Pro è un labirinto dal quale è impossibile uscire: in testa ci sono il Bassano ed il Venezia ma la classifica vede 8 squadre nel giro di soli quattro punti. Come dicevamo in testa c’è la coppia che non ti aspetti: i Toscani battono la Sambenedettese con un pirotecnico 4-3 mentre il Venezia espugna per 1-2 il Braglia di Modena. A due punti c’è il Gubbio che non molla la presa ed espugna Ancona per 0-2 mentre la Feralpi Salò non va oltre lo 0-0 contro il modesto Fano. A quota 18 troviamo Parma e Reggiana che, con le vittorie di misura su Mantova e Maceratese, agganciano la Samb. Perde terreno anche il Pordenone che cade rovinosamente sul campo del Sudtirol (3-1). In zona play-off si rilancia anche il Padova che batte il Santarcangelo fuori casa (1-2) mentre in zona salvezza preziosa vittoria dell’Albinoleffe che si impone 1-3 al Bonolis di Teramo. Finisce 0-0 Lumezzane-Forli.

GIRONE C

Gol a grappoli e nuovi equilibri nel girone C. Il Lecce conosce per la prima volta la parola sconfitta in questo campionato: i giallorossi perdono 2-1 sul campo del Catania e vengono raggiunti a quota 23 dal Foggia che si sbarazza del Monopoli per 4-1. Ad un solo punto dalle due capoliste c’è la Juve Stabia che vince il derby con la Paganese (1-2). In scia torna ad avvicinarsi il Matera che umilia la Reggina, al Granillo, con un tombale 6-2. Cade rovinosamente il Cosenza (2-0 con l’Andria) mentre sale il Fondi, che battendo il Siracusa 2-0, si instaura nelle zone alte della classifica. Finisce 1-1 tra Akragas e Taranto mentre il Virtus Francavilla batte la Vibonese per 3-1. In zona salvezza si rilanciano le due siciliane: il Messina batte la Casertana 2-1 mentre il Catania sconfigge il Lecce con lo stesso punteggio. Termina con un bel 2-2 Catanzaro-Melfi.

Articoli correlati