Lega Pro, il punto della situazione dopo la trentunesima giornata

413

Lega Pro, ufficializzati i tre gironi per la stagione 2016-2017

Il resoconto di quello che è successo nei tre gironi di Lega Pro in attesa del posticipo di questa sera tra Arezzo e Pistoiese

AREZZO – Questa sera il posticipo tra Arezzo e Pistoiese chiuderà la trentunesima giornata del campionato di Lega Pro. Una giornata che, come sempre, non ha tradito le attese con l’Alessandria che vince e allunga di nuovo sulla Cremonese che impatta col Pontedera, il Parma e il Padova che rosicchiano qualcosa al Venezia mentre continua la marcia inarrestabile del Foggia. Di seguito il resoconto completo.

GIRONE A

Soffre ma vince l’Alessandria che, tra le mura amiche, batte la Racing Roma per 2-1 e allunga nuovamente (forse in maniera decisiva) sulla Cremonese che sbatte sui legni e non va oltre l’1-1 casalingo contro il modesto Pontedera. I Lombardi adesso devono guadarsi anche le spalle visto che a quattro punti di distanza c’è il Livorno si sbarazza del Prato con un secco 3-1 fuori casa mentre l’Arezzo se la vedrà stasera con la Pistoiese nel derby.

Moscardelli e C. sono stati momentaneamente scavalcati dalla Giana Erminio e devono vincere assolutamente visto che alle calcagna c’è il Piacenza che ha battuto un Como ridotto in otto uomini per 1-2. Per quanto riguarda la lotta per i play-off bella vittoria della Viterbese che sconfigge 2-0 la Lucchese mentre nelle zone basse della classifica il Tuttocuoio demolisce 5-0 l’Olbia mentre il Siena cade sul campo della Carrarese per 2-0. Termina senza reti la sfida tra Pro Piacenza e Lupa Roma.

GIRONE B

Frena il Venezia che, al Penzo, non va oltre l’1-1 con il Santarcangelo con i padroni di casa che riescono a recuperare soltanto parzialmente lo svantaggio. Ringraziano Padova e Parma: i Veneti battono il Bassano 1-0 e si portano a -6 mentre gli uomini di D’Aversa si riscattano battendo 1-4 il Gubbio e seguono a -8. Dietro c’è il Pordenone che in questa giornata ha fissato la vittoria più larga della stagione grazie al tombale 7-2 inflitto al malcapitato Lumezzane.

Dietro il vuoto perché la Reggiana cade al Riviera delle Palme di San Benedetto per 2-0 e resta a -5 mentre fanno peggio Albinoleffe e Feralpi Salò che perdono, rispettivamente, con il Modena in casa (0-1) e con la Maceratese in trasferta (2-0 con i Marchigiani che ora si issano al decimo posto. Nelle zone basse, oltre alla vittoria del Modena, spicca anche quella del Suditrol che batte l’Anona fuori casa per 1-0 mentre terminano senza reti Forli-Fano e Mantova-Teramo.

GIRONE C

Non si placa la corsa del Foggia che, dopo la grande vittoria nel derby, espugna anche il Massimino di Catania per 1-0 e mantiene quattro punti di vantaggio sul Lecce che batte senza troppi problemi il Fondi per 2-0. Torna al terzo posto il Matera che, dopo il caos della passata settimana, batte il Messina 5-1 ed approfitta del pari casalingo della Juve Stabia, per 2-2, contro il Catanzaro con un rigore allo scadere per le Vespe.

Non sa più vincere la Virtus Francavilla che riesce a strappare comunque un punto a Monopoli pareggiando 1-1, stesso punteggio con cui la Reggina blocca il Siracusa ed anche quello tra Casertana e Cosenza, tutto invariato per lotta play-off dunque. Nelle zona basse vittoria di fondamentale importanza per la Vibonese che batte 1-0 l’Andria e tiene vive le speranze salvezza mentre termina senza reti la sfida tra Melfi e Akragas.

Articoli correlati