Milan: se parte Allegri quattro possibili soluzioni

logo-milanLe ultime indiscrezioni che vogliono la panchina di Allegri in bilico anche in caso di raggiungimento del terzo posto, hanno aperto il valzer sul nome del suo possibile successore. In caso d’addio prematuro del Mister livornese, il cui contratto è in scadenza nel 2014, i vertici di via Turati dovranno sfogliare la margherita per individuare il prescelto che avrà il compito di guidare il Milan del futuro. Tra la folta rosa dei papabili, numerosi sono quelli che hanno vestito la maglia rossonera e la scelta non deve sorprendere visto il noto gradimento della Società di affidare le redini a chi sudato e vinto con quella maglia,  maturando così il DNA rossonero.

I numeri sembrano confortare questa scelta se è vero che la maggior parte dei  titoli conquistati durante la presidenza Berlusconi, 17 su 28, è stata ottenuta da tecnici che hanno precedentemente calcato il prato di San Siro.

Curiosità statistica, escludendo la breve parentesi Maldini-Tassotti (che ha comunque regalato un memorabile derby dal risultato tennistico) gli unici allenatori che non hanno vinto nemmeno un titolo alla guida del Milan sono quattro e tutti stranieri: Liedholm, Tabarez, Terim e Leonardo.

Seedorf, Van Bommel e Van Basten possono iniziare a fare gli scongiuri…

[Antonio Dell’Aera –