Mou-Ranieri, telefonata pre-Juve! JM: “Voglio una serata delle mie”

215 0

Mourinho e Ranieri, ovvero il passato e il presente della panchina nerazzurra. Mourinho e Ranieri, prima nemici e poi amici. I due allenatori sono stati grandi rivali per anni, mentre Mourinho allenava l’Inter e Sor Claudio la Juve e poi la Roma. Le loro schermaglie dialettiche sono ancora nella memoria di tutti. Ma il rapporto tra i due allenatori è sempre stato all’insegna del rispetto. E quando Ranieri si è accomodato sulla panchina nerazzurra, José non ha potuto che augurare il meglio all’allenatore romano.

Oggi è il giorno più importante da quando Ranieri è sulla panchina nerazzurra. E’ il giorno di Inter-Juve, il presente e il passato di Ranieri. Alla vigilia di una partita così importante, sia per l’allenatore che per la classifica, c’è stato il contatto tra Ranieri e Mourinho. Come svela la Gazzetta dello Sport, i due allenatori si sono sentiti telefonicamente prima del match di stasera. Due telefonate per spiegarsi, per confrontarsi e per raggiungere l’obiettivo: battere la Juventus. Quello che un tempo era l’obiettivo di Mourinho, ora è la sfida di Ranieri. O meglio: di Ranieri, con il piccolo aiuto di Mourinho.

Lo Special One non ha mai nascosto il suo interismo e la sfida con la Juventus è parte importante del suo essere interista. Il portoghese (due vittorie su due al Meazza contro i bianconeri) non può che avere ricordi estremamente positivi: “Ho ricordi fantastici di questi match, soprattutto per ciò che mi unisce a San Siro. Mi piacerebbe che gli interisti ricreassero un’atmosfera uguale a quella di allora. Un ambiente del genere faceva sì che le partite venissero vinte in partenza”. L’Inter non vive certo i suoi giorni migliori, ma il portoghese confida nella grande esperienza del tecnico di Testaccio: “Confido nell’esperienza di Ranieri e nel fatto che i giocatori possano dare ancora. Seguo l’Inter anche dalla Spagna. Perciò al Meazza chiedo un favore: che mi dia una serata delle ‘mie’, in cui si giocava in sessantamila”.

[Guglielmo Cannavale – Fonte: www.fcinternews.it]