Napoli, Sarri: “La Dinamo Kiev è forte, girone molto equilibrato”

367

Il tecnico del Napoli ha appena parlato, insieme a Milik, in conferenza stampa alla vigilia del match di Champions con la Dinamo Kiev

KIEV – L’esordio in Champions League non spaventa molto Maurizio Sarri, che invece teme molto la Dinamo. “Non sono emozionato  ha spiegato in conferenza stampa. Per il Napoli però sarà una partita difficile in un girone complicatissimo, dove tutte hanno la possibilità di passare il turno”. 

La Dinamo ha grandi qualità fisiche e grande organizzazione offensive. La sensazione è che siano forti, han fatto meglio dello Shakhtar“.

“Sono proiettato alla partita e le sensazioni sono le stesse di ogni partita importante”, ha proseguito il tecnico, parlando del debutto in Champions. “Contro la Dinamo Kiev una gara agevole sulla carta? Questa mi sembra una cazzata, perché ogni volta che una squadra italiana affronta lo Shaktar si dice che è una gara difficile. La Dinamo Kiev l’anno sorso è arrivata nettamente davanti allo Shaktar e per il Napoli ora diventa una partita facile. Invece no, sarà una gara molto difficile, in un girone molto equilibrato in cui tutte possono passare il turno.La Dinamo è una squadra con grande fisicità e con una buona qualità offensiva”. “Loro per abitudine fanno la partita, anche noi siamo abituati a farlo e vedremo domani chi avrà la forza per imporre il proprio gioco. Ma comunque anche se non avessimo la forza di imporci potremmo usare la carta delle ripartenze per essere pericolosi. Nell’ultima settimana siamo cresciuti a livello di condizione. E’ difficile dare giudizi sulle partite che si giocano ad agosto, adesso si comincia ad avere sensazioni di crescita ma abbiamo bisogno di conferme, soprattutto contro avversari che sono più avanti di noi nella preparazione”.

Ma a Sarri non basta partecipare: “Vorrei vedere una forte personalità, la stessa che mostriamo in campionato, imponendo la propria filosofia anche in Europa. Mi fa piacere essere qui in Champions, ma è chiaro che non mi accontento, quando vinco mi diverto un pò di più”.

Capitolo Callejon: “Non è infortunato, ha solo un problema alla mano che gli è capitato nel corso della sosta per le Nazionali”. Infine sul ballottaggio Milik-Gabbiadini: “I ballottaggi ci sono sempre, Gabbiadini lo sto vedendo sereno e più sorridente del solito: nonostante abbia passato un mese d’agosto difficile, mi sembra che ne sia uscito con grande serenità e mi farebbe piacere proseguisse così perchè farebbe bene anche in campo”.