Serie A, 26ª giornata: il mea culpa di cinque allenatori

Serie A, 26ª giornata: il mea culpa di cinque allenatoriMILANO – La ventiseiesima giornata del Campionato di serie A sarà ricordata come quella del “mea culpa” degli allenatori. Tanta autocritica, ammissione di responsabilità da parte dei mister. Vediamo insieme qualche passaggio delle dichiarazioni rilasciate da cinque tecnici nel post partita.

Spalletti (Inter): “Se ne sentono tante ma bisogna stare zitti, fare autocritica, prendersi delle responsabilità…Siamo quello che facciamo vedere”.

Gattuso (Milan): “Ora mi godo questo momento ma non bisogna dimenticare le figuracce contro Benevento, Verona e in altre partite precedenti, anche della mia gestione. La squadra potrebbe avere più punti di quelli che ha”

Di Francesco (Roma): “Vedere Perotti che porta la palla per tutto il campo e vuole dribblare tutti non è un problema fisico, ma un problema di scelta. É l’esempio del desiderio di voler ribaltare da solo il risultato mentre noi dobbiamo lavorare di squadra.

Mazzarri (Torino): “Oggi per la prima volta ho visto la squadra sbagliare l’approccio totale alla partita”

Zenga (Crotone) “Certe cose non sono venute come mi aspettavo che venissero e la colpa non è dei giocatori ma di chi li mette in campo e per come li mette in campo”.