Serie A, 33 giornata: i consigli di fantacalcio

logo-serieaI consigli della trentatreesima giornata di serie A.

Udinese-Inter: nell’Udinese occhio a Kone. Schierato come trequartista rischia di creare danni ad una difesa non certo irreprensibile. Tra i friulani anche Allan e Guilherme possono fare una buona gara. Occhio a Danilo: se c’è un giocatore in grado di fermare Icardi è lui. Di Natale non vale neanche la pena di nominarlo…I punti deboli dei friulani sono sulle fasce, specie se mancherà Widmer. Thereau non incide più come prima.
Nell’Inter, Hernanes ha finalmente ingranato: impossibile non inserirlo. In avanti puntiamo più su Palacio che su Icardi. Guarin può scombussolare i piani di Stramaccioni. Santon può risultare determinante sulla sinistra. Evitate Vidic: potrebbe rischiare. Shaqiri, Kovacic e Brozovic stanno deludendo.

——————————————————————–

Cesena-Atalanta: è l’ultima possibilità del Cesena per provare a tenere aperta la lotta salvezza. La difesa dell’Atalanta comunque concede qualcosa, quindi, se non avete grosse alternative, uno tra Defrel, Brienza e Carbonero potete provare a inserirlo. Per gli altri è un terno al lotto.
Nell’Atalanta il pacchetto difensivo è deludente. Più saggio puntare su Pinilla, Moralez, Gomez e Cigarini, ovvero quelli che possono portare bonus a casa.

——————————————————————–

Chievo-Cagliari: i sardi, rinvigoriti dal successo di Firenze, tentano il colpaccio a Verona, ma i clivensi sono ossi duri. Tra i padroni di casa puntate sugli esterni difensivi Frey e Zukanovic e sulla velocità della coppia Paloschi-Meggiorini, oltre al sempreverde Pellissier. Radovanovic, Izco ed Hetemaj potrebbero soffrire la pressione del centrocampo sardo. Dainelli e Cesar non sono molto affidabili.
Nel Cagliari scordatevi i difensori. Se volete puntare su un rossoblù, il vostro nome è da cercare tra Mpoku, Farias, Cop e Joao Pedro. Cossu e Sau sembrano finiti ai margini.

——————————————————————–

Juventus-Fiorentina: sfida mai banale e che fa trovare motivazioni nascoste anche a squadre appagate (come i bianconeri) o in crisi (come i viola). Nella Juve, occhio alle sgroppate di Lichtsteiner sulla destra. La Fiorentina è una squadra con difensori lenti e fallosi, quindi le punizioni di Pirlo e Tevez possono essere un’arma in più. Per lo stesso motivo, occhio agli inserimenti di Pereyra, Vidal e Marchisio. Morata, in questo momento, sembra aver tirato un po’ il freno. I difensori bianconeri sono troppo distratti in questo momento.
Nella Fiorentina, Salah, Vargas e Joaquìn sono gli unici nomi che ci sentiamo di fare. La difesa, in questo momento, è improponibile. Gomez in campionato non ne azzecca una, mentrew Borja Valero è in una preoccupante fase involutiva. Aquilani non ne becca più una.

——————————————————————–

Lazio-Parma: i biancocelesti domenica hanno sprecato una grande occasione per allungare. Non possono ripetere lo stesso errore con il Parma. Tra i biancocelesti, Lulic, Candreva, Felipe Anderson e Mauri non possono toppare. Keita ha una grande chanche da titolare: la sua velocità può essere una delle chiavi del match. Occhio alle scorribande di Basta sulla destra. Il duo Mauricio-Novaretti balla parecchio. Cataldi e Ledesma non convincono. Klose è in dubbio e potrebbe non essere rischiato.
Nel Parma, meglio evitare i difensori in una gara di questo tipo. Se volete cercare la sorpresona e non avete grosse alternative, un pensierino a Varela, Belfodil, Lodi e Mauri potete farlo.

——————————————————————–

Milan-Genoa: l’unico schema del Milan, basato sul lancio lungo, rende inutili i centrocampisti, Bonaventura incluso. La difesa, poi, si elimina da sè per povertà tecnica. Rimangono Cerci e Menez che, contro un Genoa non abituato a difendere, possono sfruttare le praterie che si apriranno di fronte a loro. Destro si sta facendo fuori da solo. Più saggio puntare su Pazzini. Honda è sparito.
Nel Genoa l’assenza di Perotti è grave, però Pavoletti, Iago e l’ex Niang possono fare male lo stesso. Rincon er Bertolacci rischiano di schiantare la mediana rossonera.
Il trio Roncaglia-Burdisso-De Maio va sempre nel panico.

continua