Siena, Felipe: “Brucia la sconfitta ma abbiamo dimostrato di essere vivi”

“La sconfitta di Milano brucia molto, anche per il modo in cui è maturata. Ma abbiamo dimostrato di essere vivi, ci siamo e ci saremo fino alla fine”. È il commento del difensore bianconero Felipe, protagonista dell’azione del calcio di rigore assegnato al Milan. “Quando l’arbitro ha fischiato mi sono allontanato per evitare conseguenze peggiori… E pensare che nel primo tempo l’arbitro aveva fatto i complimenti a Rosina per non essersi buttato dopo un contatto identico con Constant. È un vero peccato, ma ora non dobbiamo pensarci più e iniziare a concentrarci subito sul Torino. Da qui alla fine tutte le partite saranno come finali e noi dobbiamo sempre cercare di fare punti”.

Torino con tante assenze? Per Felipe non è significativo: “Dobbiamo pensare solo a noi, alla nostra prestazione e alla nostra voglia di fare risultato. Gli altri non contano, tanto non abbiamo alternative a un atteggiamento che ci consenta di a risalire la classifica”. Gennaio è il mese del mercato. “Ma tutti sono concentrati sulla causa del Siena, come è giusto che sia. Finché uno indossa questa maglia, non deve pensare ad altro. Io? Qui mi trovo benissimo, ringrazierò sempre i miei compagni per come mi hanno accolto, facendomi sentire di nuovo giocatore. Ogni valutazione sarà fatta a fine stagione”.

[Sito Ufficiale Ac Siena – Fonte: www.acsiena.it]