Europa League, Sparta Praga-Inter risultato e cronaca della partita

950

Sparta Praga-Inter risultato e cronaca della partita

RISULTATO FINALE: SPARTA PRAGA-INTER 3-1

SPARTA PRAGA (4-4-1-1): Koubek; Karavaev, Mazuch, Holek, M. Kadlec (dal 28′ st Pulkrab); Cermak (dal 43′ st Lafata), Frydek (dal 21′ st Julis), Sacek, Holzer; Dockal, V. Kadlec. A disposizione: Kadlec, Miller, Havelka, Kosti. Allenatore: Scasny Scasny

INTER (4-3-3): Handanovic, D’Ambrosio (dal 10′ st Ansaldi), Murillo, Ranocchia, Miangue; Felipe Melo, Gnoukouri (dal 25′ st Gnoukouri), Banega; Candreva (dal 18′ st Perisic), Palacio, Eder. A disposizione:  Carrizo, Medel, Miranda, Icardi, Zonta. Allenatore: Frank de Boer

Arbitro: Dias

Guardalinee:  Tavares, Soares

Addizionale 1: Miguel

Addizionale 2: Martins

Quarto uomo: Nuno Pereira

Reti: al 7′ pt e al 24′ pt V. Kadlec, al 25′ st Palacio, al 31′ st Holek

Ammonizioni: Ranocchia, Frydek, Julis, V. Kadlec, Pulkrab

Espulso: al 30′ st Ranocchia

Recupero: nessuno nel primo tempo, 4 minuti nella ripresa

Stadio: Stadion Letna

Cronaca di Sparta Praga-Inter

Anteprima di Sparta Praga-Inter

PRAGA – Dopo il pareggio casalingo con il Bologna, che ha messo fine al filotto di tre vittorie consecutive, l’Inter ritorna in Europa League affrontando, nella gara valida per la seconda giornata del Girone K, lo Sparta Praga per una sfida che si preannuncia complicata sia per l’avversario che per il fattore campo. Nessun precedente in Europa League tra le due squadre a Praga mentre si sono incontrate 3 volte in coppa Europa Centrale e 1 nella Coppa delle Fiere. Bilancio a favore dello Sparta con 2 successi, un pareggio e una vittoria per i nerazzurri quella del ’69 con il punteggio di 0-1.

Arbitro dell’incontro è Dias che sarà coadiuvato dagli assistenti Tavares e Soares. Quarto ufficiale sarà Nuno Pereira mentre gli addizionali Miguel e Martins.

QUI SPARTA PRAGA – 3-5-2 per Scasny con Koubek tra i pali. Il terzetto di difesa sarà composto da Costa, Holek e Kadlec. Folto centrocampo a cinque con Karavaev e Sural sugli esterni e il trio Frydek, Sacek e Vacha al centro. In attacco spazio a Julis e Kadlec.

QUI INTER – Senza Jovetic, Kondogbia, Joao Mario e Gabigol, esclusi dalla lista UEFA,de Boer attua un turnover in tutti i reparti. Solito 4-2-3-1 scelto dal tecnico olandese con Handanovic ancora tra i pali. A difesa D’Ambrosio e Nagatomo agiranno da terzini e Murillo-Ranocchia sarà la coppia centrale. A centrocampo Felipe Melo e Medelf aranno da scudo alla difesa mentre in attacco, dietro Icardi, ci saranno Eder, Banega e Palacio.